Fermana, l'arte del non prenderle e non darle

 di Sebastian Donzella Twitter:   articolo letto 295 volte
Fermana, l'arte del non prenderle e non darle

Essere un tifoso della Fermana non è facile perché, allo stadio, rischi di annoiarti. I marchigiani, fin qui, hanno raccolto ben sei pareggi per 0-0. Oltre 500 minuti senza lo straccio di un gol, fatto o preso. Niente esultanza, niente disperazione. Ma non proprio niente di niente. Perché il risultato a occhiali ha portato, alla fine, sei punti agli uomini di Destro e una delle difese meno perforate della Serie C, con soli 12 gol.

In avanti, però, serve darsi una svegliata. Sansovini e Lupoli, dopo una partenza scintillante, si sono spenti e con loro il resto del reparto offensivo. Togliendo le 5 reti al Santarcangelo, infatti, la Fermana ha realizzato 7 gol in 14 incontri, uno ogni due partite.

Poi, ovviamente, bisogna anche pesare questi segni X pieni di noia. L'ultimo, infatti, è preziosissimo, visto che è arrivato in casa della capolista Padova. E adesso arriverà la vicecapolista Renate, altra squadra che segna poco ma subisce ancora meno: sarà una sfida tra due delle difese più blindate in campionato. Nel dubbio, facciamo un grosso in bocca al lupo agli attaccanti dei due schieramenti.