MODENA APRE IN ANTICIPO IL CALCIOMERCATO. LIVORNO E LECCE VOLANO. ANDRIA ESONERA. BASSANO NO: GIUSTO

Nato a Firenze nell'anno del Mundial spagnolo. Giornalista di TuttoMercatoWeb.com, direttore di TuttoC.com
 di Luca Bargellini Twitter:   articolo letto 4570 volte
© foto di Federico De Luca
MODENA APRE IN ANTICIPO IL CALCIOMERCATO. LIVORNO E LECCE VOLANO. ANDRIA ESONERA. BASSANO NO: GIUSTO

Anche dopo la sua scomparsa il Modena, in un modo o nell’altro, continua ad incidere sul campionato di Serie C. Da una parte, infatti, il Girone B, orfano dei Canarini, è stato costretto a darsi una nuova fisionomia, sia nel calendario che nella classifica; dall’altra parte, invece, tutti i tesserati svincolatosi successivamente all’estromissione degli emiliani dal campionato hanno dato ufficialmente via alla sessione invernale di calciomercato.
Al netto della querelle fra Ezio Capuano (nuovo tecnico della Sambenedettese, auguri) e i suoi oramai ex giocatori, Modena è e rimane protagonista. Per un Matera interessato a Sosa, Giorno, Galoppini e Louzada (ci sono anche Vicenza e Padova), c’è un Carpi ad un passo da Calapai e una Samb che potrebbe regalare al nuovo tecnico una vecchia conoscenza come Maritato. Sono queste solo alcune delle opportunità di mercato che si sono venute a creare con quasi due mesi d’anticipo rispetto al previsto e che potrebbero alterare in maniera importante il destino del campionato. Non tutte le società hanno attualmente a disposizione spazio in rosa o risorse economiche da investire: due dettagli che possono fare la differenza, agevolando pochi fortunati.

Lontano da Modena e dall’autunno terribile di una società che ha fatto la storia del calcio italiano, ce ne sono altre due che stanno dimostrando di avere anche un futuro oltre ad un passato. Livorno e Lecce, nobili decadute, stanno dominando senza apparenti problemi i rispettivi gironi, con un +6 e un +5 in classifica che danno una buona dose di garanzie. Un rendimento merito del lavoro di due tecnico agli antipodi fra loro: Andrea Sottil e Fabio Liverani
Il primo, ex difensore dalla carriera tutt’altro che indimenticabile è approdato in Toscana dopo una stagione più che buona a Siracusa. Il secondo, centrocampista dalla sopraffina intelligenza protagonista a Roma (sponda Lazio), Firenze e Palermo ha scelto il Salento per rilanciarsi: la mancata riconferma a Terni dopo aver centrato una salvezza quasi insperata è stato un boccone duro da mandare giù, ma l’occasione arrivata al Via del Mare è stata troppo ghiotta per non essere sfruttata alla grande fin da subito.

Ad amaranto e giallorossi, dunque, il compito di dettare la strada verso la Serie B, mentre nell’altro girone (il B) continua la lotta al vertice fra un Padova (occhi puntati su Alessandro Capello!) che sogna da tempo di tornare in cadettaria, un Renate che continua a rivestire il ruolo dell’outsider e un Pordenone che dopo due eliminazioni ai playoff promozione continua a lottare per un posto al sole.

Intanto ad Andria scatta l’esonero di Valeriano Loseto. Il 22° della stagione di Serie C. Decisivo il tredicesimo turno consecutivo senza vittorie per la Fidelis, oramai indirizzata ad una stagione di sofferenza e con un malcontento imperante fra la tifoseria.
Chi invece conferma il proprio tecnico nonostante il quarto ko consecutivo è il Bassano. E’ vero, la squadra di Giuseppe Magi è scesa pericolosamente in classifica e l’ultima volta che ha assaporato il gusto della vittoria era ancora la prima metà di ottobre, ma non tutte le sconfitte sono uguali. La società, consapevole dell’emergenza infortuni che sta colpendo la squadra, si è stretta attorno al tecnico e lo ha confermato dopo il ko interno contro la FeralpiSalò. Bravi.