AD Catania: "La legge è legge, mi auguro che non si cambi idea"

10.08.2018 18:00 di Dario Lo Cascio Twitter:   articolo letto 1375 volte
© foto di Federico De Luca
AD Catania: "La legge è legge, mi auguro che non si cambi idea"

Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Catania, intervenuto ulteriormente a margine della conferenza stampa di Roma ai microfoni di UltimaTV, ha dichiarato: "Penso che ora la palla sia di Fabbricini, il commissario della Figc. Egli stesso ha emesso un comunicato sul fatto che la Serie B debba essere a 22 squadre. Mi auguro che le chiacchiere delle ultime ore non facciano cambiare idea. La legge è legge, il commissario è chiamato a far rispettare le regole. Non faccio vittimismo, noi abbiamo la nostra solidità. Combattiamo anche contro questo modo di pensare e di fare. C'è una vertenza in corso, la B chiede di restare a 19, la legge dice che il campionato deve essere a 22. Robur Siena e Novara? Non mi sorprendere che non si siano presentati oggi ed in ogni caso se dovesse passare la proposta del blocco dei ripescaggi, fioccheranno i ricorsi, e qualcuno dovrà pagare per questa decisione. Reazione della Lega B? Non mi aspetto nulla, visto che hanno avallato certe proposte cervellotiche. Mi aspetto invece che la Figc faccia rispettare le regole".