Nocerina, l'ex trainer Pietro Virdis: "Un'esperienza piacevole"

22.06.2011 13:00 di Luca Esposito  articolo letto 1644 volte
Fonte: Orlando Savarese
© foto di Andrea Pasquinucci
Nocerina, l'ex trainer Pietro Virdis: "Un'esperienza piacevole"

Non tutti si ricordano che tra gli allenatori della Nocerina c’è anche un ex calciatore illustre che risponde al nome di Pietro Paolo Virdis. Nove anni fa, proprio con il club molosso, fu la sua ultima esperienza come allenatore. Poi è stato opinionista sportivo per una televisione a livello nazionale, e adesso gestisce un esercizio commerciale di prelibatezze a Milano, il “Gusto di Virdis”. L’ex attaccante sardo, classe ’57, contattato in esclusiva da TuttoNocerina.com, ripercorre il periodo trascorso nella parte finale del campionato 2001-2002 a Nocera, un periodo finito con una triste retrocessione dalla C1 alla C2 dopo i playout.

Il periodo trascorso a Nocera per me fu un’esperienza piacevole – incomincia Virdis – molto travagliata perché ci dovevamo salvare dal baratro della retrocessione, quindi è stata un’esperienza difficile. Tuttavia conservo un ottimo ricordo di quei giorni, e sono molto felice dell’avvenuta promozione della Nocerina in Serie B. Complimenti alla società, complimenti ad Auteri e ai giocatori”.

Lei nel 2002 subentrò in corsa come terzo allenatore stagionale, e la società non riuscì a evitare la retrocessione.

Sì, perdemmo in casa 1-0, ma vincemmo in trasferta, e comunque questo non ci aiutò a salvarci”.

Ci viene in mente che dopo l’esperienza a Nocera non ha allenato nemmeno più, come mai?

Non lo so: era un’esperienza che mi piaceva molto allenare. Purtroppo sono cose della vita: si vede che dovevo fare altro. Adesso ho aperto un’attività commerciale a Milano e mi sto occupando di quella. Ho fatto l’opinionista per La7 per diverso tempo, e mi permetteva di veder giocare molte squadre, principalmente il Cagliari, perché sono stato spesso in Sardegna”.

È dura restare senza panchina così a lungo? Sono nove anni.

Devo dire che ormai, come ho detto prima, ho messo da parte l’idea e mi sto dedicando al mio negozio di cibi e di vini, quindi sono contento così”.

Tornando al calcio giocato, come ce la vede la Nocerina nel prossimo campionato di B?

L’importante è che non si stravolga nulla: abbiamo visto in passato che alcune squadre che sono salite dalle serie inferiori poi si sono mostrate competitive in categorie superiori. Spero che riesca a ripetere i fasti di quest’anno”.

A meno di clamorosi cambiamenti in Serie B si dovrebbe giocare di sabato, e la Nocerina sarà spesso su campi del Nord Italia, in Liguria, in Lombardia, in Emilia-Romagna e in Piemonte. Andrà a vedere qualche partita dei molossi?

“Spero di trovare il tempo per andare a vederla, anche se come diceva lei, si gioca di sabato, e il sabato per me è importante nel mio lavoro. Comunque non si sa mai, non mancherà l’occasione per poter assistere a qualche partita della Nocerina, con grande piacere”.

D’accordo, mister Virdis, la ringrazio per la sua disponibilità.

“E’ stato un piacere. Saluti a tutti i tifosi della Nocerina”