L.R. Vicenza V., Serena: "Mi è piaciuto lo spirito di abnegazione"

05.02.2019 23:40 di Giacomo Principato  articolo letto 461 volte
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
L.R. Vicenza V., Serena: "Mi è piaciuto lo spirito di abnegazione"

Michele Serena, allenatore del L.R. Vicenza Virtus, può esultare in seguito alla vittoria della partita contro la Feralpisalò nella sfida valida per i sedicesimi di finale della Coppa Italia - Serie C. Il tecnico dei veneti nella sua analisi nel post-gara riserva però spazio anche al campionato con la sfida alla capolista Pordenone che si fa sempre più vicina. Queste le parole riportate dal portale biancorossi.net: “L’obiettivo di oggi era solo uno e siamo stati bravi a passare il turno. E’ una coppa importante, non certo un disturbo perché ci dà la possibilità di giocare tutti e arrivare in fondo a un trofeo. La mia scelta di oggi è stata bella precisa: ho messo in campo l’intera gamma e tutti hanno dimostrato il loro valore. Ho 22 ragazzi di movimento e 3 portieri: tutti sono all’altezza per giocare. Pontisso è uscito per crampi ma ha fatto una buona ora abbondante a buon livello, è un ragazzo intelligente che ci sarà utile. Sono contento Maistrello, al di là dei gol per il lavoro che svolge con grande serietà e questo lo porto a farsi sempre trovare pronto. Non è che chi ha giocato oggi ha avuto una chance ma sono tutti titolari, purtroppo ne devo far giocare solo 11. Mi è piaciuto lo spirito di abnegazione e la voglia di arrivare al risultato con grande partecipazione da parte di tutti. Questa vittoria ci dà entusiasmo ma dobbiamo dimenticarla subito perché sabato arriva il Pordenone, meritatamente prima della classe. E’ una partita che si prepara da sola, noi dobbiamo solo pensare a recuperare le energie. Anche quella gara, come tutte, inizierà dallo 0-0. Sono felice che abbiamo recuperato Zarpellon, domani torna Mantovani e giovedì Laurenti: ben venga la possibilità di scelta perché io non boccio nessuno bensì scelgo e penso che questo sia gratificante anche per i giocatori”.