Top & Flop di Potenza-Monopoli

06.02.2019 23:25 di Lorenzo Carini   Vedi letture
Antonio Matera, TOP Potenza
© foto di Giuseppe Scialla
Antonio Matera, TOP Potenza

Il Potenza ha bisogno dei calci di rigore per superare il Monopoli ed approdare ai quarti di finale della Coppa Italia Serie C. Non sono bastate due ore di gioco alla compagine allenata da Giuseppe Raffaele per avere la meglio sulla squadra biancoverde di Scienza, ma c'è rammarico soprattutto per il rigore non realizzato, nel corso della prima frazione regolamentare, da Genchi che ha colpito la traversa: visto quanto successo nei minuti successivi, probabilmente la marcatura del giocatore rossoblu avrebbe avuto un peso rilevante sull'esito finale dell'incontro.

La squadra lucana troverà nel suo cammino il Trapani, vittorioso per 1-0 sul Catanzaro nel match giocato nel pomeriggio. Nei tiri dal dischetto, decisivi per i pugliesi gli errori di Donnarumma e Mendicino: il match winner è stato Antonio Matera, che ha calciato alla perfezione chiudendo la contesa sul risultato di 4-2.

TOP
Antonio Matera (Potenza)
: ci sentiamo in "dovere" di dare questo premio al match winner, Antonio Matera. E' suo, infatti, il rigore decisivo che ha permesso al Potenza di superare il turno: nel corso dei 120', comunque, una buona prestazione da parte sua; non ha sfigurato e, inoltre, si è reso un aiuto prezioso per i compagni. FATALE

Daniele Donnarumma (Monopoli): entra a partita in corsa, ma tanto basta per far meglio, di gran lunga, rispetto a tutti i compagni. Tanti, tantissimi cross dalla sinistra, spesso invitanti e spesso no, ma comunque di importanza fondamentale: mister Scienza ha capito che senza di lui non si può stare. Giocatore che, in questa categoria, può fare tante grandi cose: l'unica pecca? Il rigore sbagliato, ma tutto è nato dal precedente errore di Mendicino. SUL PEZZO

FLOP
Giuseppe Genchi (Potenza)
: troppi errori, una giornata storta per l'esperto attaccante del Potenza che avrebbe potuto far risparmiare energie preziose a tutta la squadra, se solo avesse realizzato il calcio di rigore al 17' del primo tempo. Oltre a questa, sono state tante altre le occasioni gettate al vento dal 33enne ex Monopoli, forse fermato proprio dal fatto di dover giocare contro la sua ex squadra. SPENTO

Ettore Mendicino (Monopoli): nel corso dei 120' non si fa vedere più di tanto dalle parti di Breza, ma commette il peggio nel corso dei calci di rigore decisivi. Un giocatore dotato di un'esperienza come la sua, non può permettersi di sbagliare in una situazione di vantaggio (momentaneo 2-1): la sconfitta del Monopoli è partita dalla sua ingenuità dagli undici metri. INDECISO