Arezzo, ecco il tuo momento: i playoff per la definitiva rinascita

15.05.2019 06:00 di Claudia Marrone Twitter:    Vedi letture
© foto di Francesco Inzitari/ILoveGiana
Arezzo, ecco il tuo momento: i playoff per la definitiva rinascita

Sessantaquattro punti, frutto di 16 gare vinte, di altrettante pareggiate e di sole 5 sconfitte, la squadra che ha perso meno in tutto il Girone A; non solo, 49 gol fatti e 32 subiti. Un ruolino di marcia di alta classifica, insomma. 
E infatti questo è stato, l'Arezzo si è posizionato al 4^ posto del primo raggruppamento di Serie C, dopo aver concluso nel migliore dei modi una regular season che ha visto gli amaranto sempre a ridosso della vetta, a conferma che, proprio il Girone A, la sua outsider l'aveva trovata da tempo. Nonostante non fosse così scontato, in questa sorta di anno zero, il grande risultato. 

Occorre infatti ricordare che il club toscano ripartiva dal professionismo dopo un fallimento sfiorato nel maggio dello scorso anno, quando la squadra si salvò nonostante una pesante penalizzazione (-13) e la nuova proprietà rilevò una società disastrata, poi rimessa in piedi non solo a livello amministrativo e di organigramma societario, ma anche a livello tecnico, con riconferme importanti che sono andate a creare una base fondamentale per ripartire. E anche con la scelta di un tecnico, Alessandro Dal Canto, che si è rivelata vincente: tanto che, tra le tre quarte dei tre gironi, solo l'Arezzo ha iniziato e concluso il suo percorso con il medesimo mister, a differenza di Feralpisalò (che ha esonerato Toscano dopo l'ultima di campionato) e Catania (si parte e si finisce con Sottil, ma nel mezzo c'è stata la parentesi Novellino).
Semi piantati che hanno dato i primi frutti, ma questa sera inizia un nuovo percorso, che prenderà vita al "Città di Arezzo", dove per altro, in campionato, la truppa della città del Cavallino Rampante è rimasta imbattuta: in Toscana arriverà il Novara, in quello che è il secondo turno dei playoff.

Piccola curiosità: proprio la squadra piemontese è l'unica formazione che al primo turno ha vinto in trasferta, sempre in Toscana, a Siena, confermando il buon trend lontano dal "Piola" che si era visto anche in campionato (7 vittorie, 9 pareggi e 3 sconfitte). A questo, però, l'Arezzo non dovrà pensare, soprattutto in virtù del fatto che, essendo gara secca, ci saranno due risultati su tre a favore, un vantaggio non da poco. Certo, il Novara è sicuramente rosa più esperta e fisica rispetto a quella di Dal Canto, ma l'annata parla di 14 punti di differenza in classifica, che non nascono dal caso. 
Non solo, il pubblico aretino ha dimostrato spesso di saper fare la differenza, e l'entusiasmo in questi casi gioca un ruolo importante.
Poi parlerà il campo, ma gli amaranto hanno buone chances per non dire addio a un sogno.