Juve U23, Nocchi: "Valorizzato i giovani, ma dispiace per playoff"

24.04.2019 16:10 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
Timothy Nocchi
© foto di Federico Gaetano/TuttoLegaPro.com
Timothy Nocchi

Timothy Nocchi, portiere della Juventus U23, ha tracciato ai microfoni di TuttoJuve.com il bilancio di questa stagione sia da un punto di vista di squadra sia da un punto di vista personale: "Se uno guarda la Juve rispetto a quello che di solito è, siamo arrivati a metà classifica e qualcosa di più ce lo si poteva aspettare. Diciamo, però, che alla fine l'obiettivo era quello di valorizzare i ragazzi e io penso che da inizio anno a ora per tanti ci sono stati miglioramenti. Sotto quell'aspetto l'obiettivo è stato raggiunto. Personalmente - ha quindi proseguito - è stata una stagione diversa. Mi sono trovato a essere uno dei più vecchi, cosa che non mi era mai capitata a parte due anni fa al Tuttocuoio e la cosa ti responsabilizza. Il mio obiettivo poi è stato farmi trovar pronto quando chiamato in causa e sono abbastanza soddisfatto". 

L'estremo difensore ha raccontato anche quale è stato il momento più bello e quale invece il peggiore: "In partenza, vedendo i ragazzi in allenamento, devo dire che sembrava più facile. Vedendo le loro qualità che avevano, avevo pensato potesse essere più semplice. Poi quel periodo delle cinque sconfitte di fila è stato il più brutto. Personalmente il momento più bello direi l'esordio, perché abbiamo vinto, ho fatto una bella partita nonostante non giocassi da un po'. E' stata una bella soddisfazione".

Resta il rammarico di non aver raggiunto i playoff: "I playoff sarebbero stati importanti e gratificanti. Potevi essere la mina vagante, andavi a giocarteli, poi magari potevi uscire anche subito, però eri lì e poteva succedere di tutto. Un po' dispiace".