Olbia, Marino: "La scelta di Filippi non è una bocciatura di Carboni"

08.01.2019 22:10 di Patrick Iannarelli Twitter:    Vedi letture
© foto di Sandro Giordano/Olbia Calcio
Olbia, Marino: "La scelta di Filippi non è una bocciatura di Carboni"

Il presidente dell'Olbia Alessandro Marino ha incontrato la stampa per parlare del nuovo anno dei bianchi. Ecco le sue parole riportate dal sito ufficiale della società: "Cambio allenatore? Il motivo principale che sta alla base del cambio di allenatore risiede nella mancanza di risultati, ma ci tengo a precisare che la scelta di Filippi non è una bocciatura di Carboni, persona che stimo come uomo e come tecnico e che con noi purtroppo ha raccolto meno di quanto la squadra avrebbe meritato sul campo. Sono convinto che nove partite senza vittorie non siano in assoluto la chiave per valutare un allenatore, ma per capire l'aria che tira e per provare a favorire quel bisogno psicologico che l'Olbia ha di scrollarsi di dosso negatività e amarezze. Adesso abbiamo davanti a noi 20 partite, resettiamo il passato e ripartiamo con mister Filippi convinti di poter disputare un girone di ritorno all'altezza delle nostre aspettative".

Marino prosegue il suo intervento parlando di ciò che non ha funzionato: "È stata una prima parte di stagione travagliata ed è innegabile che il campo abbia espresso un giudizio difforme da quelli che erano i nostri auspici. C'è qualcosa che non è andato nel verso giusto, ho visto una squadra che si è accesa a intermittenza e, nei giocatori, in momenti diversi della stagione. È chiaro che, in un torneo estremamente competitivo, siamo davanti a un rendimento non sufficiente, ma questi giocatori valgono più di quanto hanno dimostrato, di questo ne sono certo. Ciò che ho chiesto in primis a mister Filippi è di trovare la chiave per tirar fuori tutte le potenzialità della squadra e penso che anche per questo vedremo un tecnico pronto a valutare qualcosa di diverso anche a livello tattico. Nella lunga chiacchierata che abbiamo avuto ieri, una richiesta esplicita l'ho fatta: dobbiamo migliorare la nostra efficacia sulle palle inattive difensive".