Piacenza, Franzini: "Sofferto solo in 9. Della Latta deve crescere"

16.05.2018 11:10 di Valeria Debbia Twitter:   articolo letto 767 volte
Arnaldo Franzini
Arnaldo Franzini

E' stata una vera battaglia quella condotta dal Piacenza ieri sera a Monza. Una battaglia che ha visto trionfare gli emiliani: "Ci voleva una grande prestazione e lo sapevamo perché quando sei sfavorito, con un risultato solo fuori casa contro una squadra che ha fatto molto bene, è complicato - conferma mister Arnaldo Franzini in sala stampa. - Ci vogliono quindi personalità, condizione e prestazione: direi che abbiamo fatto tutto questo".

Soprattutto dal punto di vista della condizione il Piacenza ha dimostrato di esserci, per di più nel momento in cui il Monza sembrava potesse crescere: "L'unica sofferenza l'abbiamo avuto in nove. La partita è stata sotto controllo, non stavamo rischiando niente, non abbiamo sofferto: le due punte tenevano tutti i palloni che giocavamo in avanti. Poi siamo rimasti in dieci e subito in nove, lì i minuti diventano un'eternità. Peccato perché sull'espulsione di Taugourdeau stavo facendo il cambio e non me l'hanno consentito per il colore di un calzettone. L'arbitro ha fatto ripartire l'azione e l'ha espulso. Ma è stata una grande partita e una squadra che non finisce di stupirmi: di guerrieri e di ragazzi che si sono sacrificati l'uno per l'altro. La squadra ha avuto carattere e personalità e negli ultimi tre mesi ha fatto una serie di risultati incredibili".

Una battuta il tecnico la spende anche sull'espulsione di Della Latta: "Se non cresce su queste cose diventa dura per lui. Fa partite di grandissimo livello, fisico e mentale, poi le rovina così. E' ancora giovane ma neanche troppo: deve capire alla svelta".