Pontedera, Maraia: "Alla fine il coraggio ci ha premiati"

 di Claudia Marrone Twitter:   articolo letto 259 volte
Pontedera, Maraia: "Alla fine il coraggio ci ha premiati"

"Abbiamo vendicato l'andata. A ottobre ci fu grande amarezza, ma l'abbiamo superata, siamo cresciuti e adesso ci siamo presi questa bella rivincita, venendo a giocarcela ad armi pari contro la prima della classe".

Dalle colonne de Il Tirreno, esordisce così mister Ivan Maraia, che ieri ha visto il suo Pontedera espugnare il "Picchi" e battere il Livorno. Il tecnico prosegue poi: 

"Se vuoi uscire indenne dall'Ardenza, dietro devi essere perfetto. E noi lo siamo stati. Era la nostra unica arma per affrontare il Livorno che ha giocatori che possono metterti in difficoltà in ogni modo. Noi abbiamo avuto il merito di reggere l'urto e crederci fino all'ultimo. E alla fine il coraggio ci ha premiati".

Conclude poi: "Non è vero che gli amaranto sono prevedibili, anzi. Hanno tantissime armi e molto affilate, l'unica cosa che ho notato rispetto all'andata è che adesso hanno qualche difficoltà in più davanti. Ma avevano anche tante assenze. Ma io penso alla mia squadra. Dopo il ko con l'Arzachena abbiamo subito anche un po' di contestazione. Poi abbiamo vinto in Coppa e a Livorno. Dobbiamo andare avanti così".