Cesena, Viali: "Si era creata atmosfera negativa. Ho perso la pazienza"

19.04.2021 10:40 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
William Viali
TMW/TuttoC.com
William Viali
© foto di DiLeonforte/TuttoCesena.it

Brutto ko interno ieri per il Cesena, caduto al 'Manuzzi' per mano dell'Imolese nel derby. In sala stampa mister William Viali analizza le criticità proposte dalla gara, a partire dall'episodio del mani in area ospite. “Dal mio punto di vista - ha esordito davanti alle telecamere, come raccolto dai canali ufficiali del club bianconero - si è visto chiaramente il tocco di mano e istintivamente ho reagito male. Non vado fiero del giallo subito, ma oggi (ieri, ndr) ho perso un po' la pazienza: era un fallo che dal campo sembrava netto e dispiace che l’arbitro non l’abbia valutato così. Avevamo contro una squadra molto chiusa e i ragazzi hanno mosso palla con qualità ma purtroppo siamo mancati in fase di finalizzazione. Oggi ho emozioni contrastanti rispetto a Ravenna, dove la prestazione mi aveva deluso, mentre oggi sono arrabbiato per il risultato, ma il Cesena mi è piaciuto: avevamo il sogno di arrivare quinti e questo risultato non ce lo permetterà, peccato”.

Il tecnico è poi sceso nel dettaglio della prestazione della squadra, analizzando quello che è stato lo sviluppo della gara: “La partita di oggi è diversa rispetto alle sconfitte con Legnago e Vis Pesaro ma ci è mancata precisione contro una squadra che faceva molta densità negli ultimi venti metri. Serve tanta qualità in partite di questo tipo, oppure un calcio piazzato: ne abbiamo avuti due importanti, ma non siamo riusciti a trovare la rete. Speravo di cambiare l'inerzia della partita con le sostituzioni, ma appena sono entrati c'è stato l'episodio del rigore che ci ha complicato ulteriormente le cose. Il nervosismo? E' dettato dalla cattiva gestione che c'è durante la gara: era palese l'atmosfera negativa che si era creata. E' umano perdere la pazienza di fronte a certe situazioni: penso al giallo non dato per il fallo su Di Gennaro. Sono tutti episodi che possono portare a innervosirsi, anche si dovrebbe restare lucidi”.