Reggiana, rivive il 'Mirabello'. Piazza: "Diventerà spazio vitale città"

 di Valeria Debbia Twitter:   articolo letto 617 volte
Mike Piazza
Mike Piazza

Giornata di conferenza stampa in casa Reggiana: la società granata insieme a Boxe Tricolore ed Olmedo hanno infatti illustrato le nuove proposte legate allo stadio Mirabello. Un progetto dalla forte valenza sociale, che prevede il coinvolgimento non solo di giovani atleti, ma di tutti i residenti di Reggio Emilia con iniziative a carattere conviviale e di alta valenza sociale. 

Da marzo, infatti, l'impianto cittadino ricomincerà a vivere con partite dell'Under 17, della Berretti, ma in esso verranno poi disputate anche alcune finali nazionali regionali o quelle legate al progetto Quarta Categoria. Il 'Mirabello' diventerà così un incubatore di progetti sociali: anche le cooperative sociali daranno una mano a manutenere tribune, campo e tutti i locali dell'impianto. La zona rivivrà grazie all'inclusione delle persone. Al suo interno si sta inoltre cercando di programmarvi una amichevole estiva della prima squadra granata. Sarà infine campo d'appoggio delle squadre partecipanti all'Europeo Under 21. 

A presentarlo il presidente Mike Piazza ed i maggiori esponenti della società boxistica: il direttore sportivo Luca Quintavalli e il patron Sergio Cavallari.

"Siamo molto contenti di aver lavorato per questo progetto legato allo stadio Mirabello. Sarà importantissimo sia per i tifosi granata sia per la Boxe Tricolore. Dal primo momento in cui sono arrivato in Italia sapevo che avrei dovuto avere collaborazioni con l'imprenditoria e un progetto emozionale con la città di Reggio. Ho incontrato Luca Quintavalli ed è un vero onore lavorare con lui. All'inizio non avevo ben capito quanto lo stadio Mirabello fosse importante per i tifosi della Reggiana, poi conoscendoli ne ho compreso appieno l'importanza e il valore sentimentale che racchiude. Ci vorrà tempo affinché vada a regime, ma siamo contenti che possa diventare uno spazio vitale per la città".