Rimini, Martini: "Quella di Teramo è una ferita che ancora sanguina"

12.02.2019 14:20 di Valeria Debbia Twitter:   articolo letto 361 volte
© foto di Angelo Palmas
Rimini, Martini: "Quella di Teramo è una ferita che ancora sanguina"

Il Rimini cerca il riscatto dopo il passo falso di Teramo. E lo fa in casa contro la Feralpisalò, in quella che sarà la prima di 3 sfide in 8 giorni che lo vedranno di scena al 'Romeo' Neri: “Per meglio dire è la seconda delle 5 gare che giocheremo in 15 giorni, un tour de force non indifferente - ha evidenziato alla vigilia mister Marco Martini, come riportato dall'ufficio stampa biancorosso. - Pensiamo a un impegno per volta, dunque a quello con la Feralpi al quale arriviamo con la ferita aperta di sabato, perché quella di Teramo è una ferita che ancora sanguina”. Il tecnico biancorosso presenta così l’avversario. “Una squadra esperta che possiede giocatori di categoria in tutti i reparti. Sono bravi nella gestione della partita, sanno quando è il momento di spingere e quando è preferibile rallentare, e sono reduci da 4 successi consecutivi. Fondamentale sarà l’interpretazione. I ragazzi dovranno essere attenti e concentrati dal primo all’ultimo minuto di gioco su tutti i palloni perché se abbassiamo un attimo la guardia, come abbiamo visto, sono problemi”.