Top & Flop di Matelica-Virtus Verona

27.02.2021 17:35 di Simone Cataldo   Vedi letture
Top & Flop di Matelica-Virtus Verona
TMW/TuttoC.com
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com

Il Matelica dopo sei turni senza vittoria torna al successo e lo fa non senza soffrire contro la Virtus Verona tra le mura amiche. Il gol che decide il match è di Leonetti, ed è un vero e proprio gioiello!

Gara che nei primi minuti di gioco vede le due compagini bloccate nei propri schemi di gioco, la svolta arriva al limite dal quarto d’ora quando Moretti lanciato a rete tutto solo a campo aperto viene atterrato fallosamente da Pessot. Nonostante le veementi proteste e l’ingenuità del fallo il direttore di gara grazia il giovane difensore e lo ammonisce. Prende vita dunque il match con Volpicelli che ci prova sulla mattonella della punizione e Balestrero che pochi secondi dopo da fuori non trova la conclusione vincente. Al 22’ Danti colpisce la traversa dopo un’ottima manovra da parte del reparto degli avanti rossoblù, ma tre mintui più tardi è il Matelica a sbloccare la sfida, con Leonetti che trovato sulla fascia di competenza si mette in proprio e una volta al ridosso dell’area di rigore fa partire un fendente imprendibile per Giacomel e che gonfia la rete. Prende quota la gara dei padroni di casa che non approfittano dei disimpegni errati degli ospiti ma che vanno ad un passo dal gol del raddoppio su schema da battuta d’angolo: Pizzutelli trova la giocata provata in allenamento per Volpicelli che tutto solo ad un passo dall’area piccola incrocia senza però trovare il tapin vincente. La Virtus non ci sta e risponde centoventi secondi più tardi con un tiro di Pittarello da posizione defilata ben smanacciato da Vitali, ma sulla mina vagante su avventa Cazzola che in semi-rovesciata non spedisce la palla in rete. Dopo una conclusione di Bordo prima e Pizzutelli poi per gli ospiti non sortiscono quanto sperato le sortite degli ospiti seppur interessanti. Un minuto prima che le squadre vadano negli spogliatoi De Santis di testa a tu per tu con Giacomel non impatta bene e tiene l’1-0.

Nella ripresa le occasioni migliori e la maggior parte delle sortite offensive si contano dal canto ospite con i rossoblù alla continua ricerca di un insperato pareggio. Al minuto 47’ è Pittarello ad impensierire Vitali di testa, poi al minuto 57’ un miracolo in lancio plastico del portiere classe ’98 dei biancorossi salva la pelle al Matelica sulla forte conclusione di testa di Arma. Al minuto 62’ si colleziona l’unico acuto di marca casalinga con una punizione conquistata da Balestrero che viene calciata benissimo da Volpicelli, la palla a portiere battuto lambisce il palo e strozza la gioia del gol della panchina. Cinque giri di lancetta più tardi è la Virtus Verona ed andare da un passo dal gol con un cross di Daffara che raccolto da De Santis si spegne sul palo. A venti dalla fine De Rigo ci prova con un radente da fuori area ma non è fortunato, poi al minuto 72’ Pittarello in rovesciata va ad un passo dal grande colpo dovendo fare i conti con un intervento difensivo perfetto di De Santis. Al 76esimo è Cazzola che di testa tocca e vede la sfera finire a fin di palo, poi dieci minuti più tardi Danti da punizione vede il pallone sorvolare di un non nulla la traversa. Nel finale sarà assedio Virtus Verona ma diversi errori dovuti alla poca lucidità degli uomini in maglia rossoblù permetterà al Matelica di tornare al successo dopo sei gare senza vittoria.

TOP

Leonetti (Matelica): nel primo tempo assieme a Volpicelli è il più positivo e si rende molto pericoloso, inoltre trova un gioiello d’altra categoria che varrà la vittoria dei suoi. Nella ripresa anch’egli da una mano grossa in fase difensiva e nel finale con un paio di involte sulla corsia di pertinenza fa recuperare secondi preziosissimi ai baincorossi in chiave successo. VITALE

Danti (Virtus Verona): nella confusione e fasi concitate del secondo tempo l’estro che detta le giocate è suo, ed anche nel primo tempo dai suoi piedi partono le migliori giocate di marca veneta. Ciò non basta per evitare la sconfitta. SUFFICIENTE

FLOP

Moretti (Matelica): spesso in contrasto con gli avversari si imbatte sul muro difensivo rossoblù e dopo l’iniziativa che costringe Pessot al fallo da ultimo uomo agli inizi del primo tempo non fa nulla di chè. Non si compara con i compagni di reparto che al suo contrario brillano di luce propria. IN OMBRA

Pessot (Virtus Verona): viene lanciato dal 1’ causa diverse necessitudini che spettano a mister Gigi Fresco, ma non risponde bene alla fiducia offertagli, e dopo un fallo da ultimo uomo su Moretti sul quale viene graziato da direttore di gara continua a commettere diverse ingenuità. Il tecnico lo fa uscire all’intervallo. SUPERFICIALE