Triestina, Pavanel: "Col Pordenone vedremo a che punto siamo"

08.11.2018 12:50 di Claudia Marrone Twitter:   articolo letto 179 volte
Triestina, Pavanel: "Col Pordenone vedremo a che punto siamo"

Sfida da ex, quella di lunedì, per il tecnico della Triestina Massimo Pavanel, che ritroverà il Pordenone, squadra della quale ha vestito la casacca da giocatore e ha poi allenato. Un'esperienza, quella da allenatore, che a settembre 2009, dopo aver vinto un match di Coppa Italia, gli costò l'esonero.
Proprio da quella partita, dalle colonne de Il Messaggero Veneto, parte il ricordo del tecnico:

"E avevamo pure disputato una buona gara, in un momento in cui dovevamo dimostrare qualcosa. Che dire? Una decisione che poteva essere presa in maniera diversa, con altre tempistiche. Ma non porto rancore, fa parte del passato. E il presidente ha dimostrato, con i risultati, di fare più scelte giuste che sbagliate per la sua società".

Andando poi all'attualità: "Penso alla mia squadra e al processo di crescita che stiamo compiendo: non vogliamo fermarci. Lunedì sarà una sfida tra due società importanti e sane. Sicuramente i neroverdi sono più rodati di noi sotto tutti i punti di vista. Militano da anni in categoria e si vede. Pordenone è una piazza che mi è rimasta nel cuore: da giocatore ho disputato una stagione incredibile, con i piloti delle Frecce tricolori in campo; da allenatore mi piace pensare di aver posto il primo mattone per la rinascita. La serie D l’abbiamo conquistata noi. Ma ora sono concentrato sul mio gruppo e sul processo di crescita. Mi piace misurarmi con una realtà come quella dei ramarri: vedremo così a che punto siamo. E onestamente mi farebbe piacere vincere, non tanto perché i tre punti varrebbero il sorpasso in classifica, quanto per il nostro morale".