Giovani talenti (pronto al grande salto) del Girone C

21.04.2019 20:00 di Patrick Iannarelli Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Giovani talenti (pronto al grande salto) del Girone C

I ragazzi si faranno, nonostante le spalle strette. Ma i numeri, soprattutto nel calcio, non mentono quasi mai. Ruoli differenti, gol e minutaggio in alcuni casi in contrapposizione. Ma un solo ed unico obiettivo: fare il grande salto.

Il girone C è sicuramente pieno di talenti, ma su tutti non possiamo non nominare Eugenio D'Ursi. Ala destra, classe 1995. Questo è stato l'anno della consacrazione, con 29 presenze e ben 13 gol messi a segno. Senza dimenticare i due siglati nella Coppa Italia di categoria. Un campionato da incorniciare anche per le tre doppiette, di cui due consecutive, messe a segno contro Potenza, Reggina e Paganese. Può fare male e sicuramente sarà un'arma in più in vista degli eventuali playoff. Un giocatore completo e in grado di poter ricoprire più ruoli, pronto per approdare nel calcio che conta. Una chiamata in serie B in vista del prossimo campionato non è di certo impossibile. 

Tra i giocatori pronti per fare il grande salto segnaliamo anche Luca Germoni: 22 anni da compiere il primo settembre, dal match contro la Reggina ha iniziato pian piano a ritagliarsi il suo spazio con la casacca della Juve Stabia. Scuola Lazio, in carriera ha anche vestito le maglie di Ternana, Perugia e Parma. Siamo comunque davanti ad un giocatore con ben 40 presenze anche in serie B, non male in prospettiva futura. Il grande salto può e deve arrivare, soprattutto con questi numeri.

Quindici presenze ed un gol anche per Riccardo Gatti, difensore centrale classe 1997 del Monopoli, in prestito dall'Atalanta. All'interno della compagine pugliese ha conquistato pian piano la fiducia di mister Scienza, con 15 presenze ed un gol messo a segno nella sfida contro la Vibonese. Visto il momento della squadra orobica, il difensore centrale potrebbe rientrare alla base, ma soprattutto potrebbe far comodo durante le prossime stagioni.

Per quanto riguarda anche i talenti internazionali, la scelta ricade inevitabilmente su Joao Silva, portoghese classe 1998. Arrivato in Italia per vestire la maglia della Juventus, il calciatore lusitano ha militato in Italia con formazioni giovanili di spessore. Durante questa stagione è riuscito a prendere piede all'interno dello scacchiere del Trapani, con 18 presenze complessive in campionato. Non male per un giocatore svincolato e che può ancora dimostrare le qualità. D'altronde il Portogallo continua a far crescere talenti notevoli.