Potenza, Raffaele: “Noi outsider, ma arriviamo con delle certezze”

17.05.2019 22:50 di Dario Conti   Vedi letture
Potenza, Raffaele: “Noi outsider, ma arriviamo con delle certezze”

Meno di 48 ore alla sfida di andata contro il Catania, in programma domenica alle 18.30 allo stadio “Viviani” e valida per iI primo turno della fase nazionale dei Playoff. Il tecnico del Potenza, Giuseppe Raffaele, ha presentato nella consueta conferenza pre-gara il primo dei due confronti contro gli etnei:

“Sicuramente il Catania, tra tutte le pretendenti, per blasone, calciatori e aspettative è tra le favorite iniziali e punta a tornare in una categoria che gli sta pure stretta, perché dieci degli ultimi 15 anni parlavano di serie A. Ad un certo punto ha sfiorato anche l’Europa League. Troveremo una squadra in salute e che si è rilanciata mentalmente, riposando anche un pò di più rispetto a noi. La vittoria contro la Reggina ha ridato a loro un pò di slancio. Ma a noi tutto questo deve interessare fino ad un certo punto, perché sappiamo che per andare avanti dobbiamo andare al massimo di noi stessi, fino a quando avremo la possibilità di farlo. Da parte nostra non c’è una motivazione particolare se affrontiamo il Catania o un’altra squadra. Veniamo da un cammino in crescendo, con le nostre certezze e la nostra forza. Abbiamo rispetto per il nostro avversario. Sappiamo che i due risultati in campionato non c’entrano nulla, perché sono partite che si sono giocate in un determinato momento della stagione. Adesso entriamo in una fase in cui bisogna avere l’atteggiamento e la voglia giusta, oltre ad una dose di eventi che non siano negativi, come infortuni, squalifiche ed episodi sfavorevoli. Noi abbiamo Emerson, ma il Catania ha Lodi. Per questo motivo adesso le partite si svolgono sugli episodi, perché basta anche una giocata individuale per rompere gli equilibri. Noi, come spesso ci hanno considerato in questo campionato, siamo stati una rivelazione e per questo motivo siamo considerati una outsider, però è anche giusto dire che anche noi arriviamo con delle certezze, perché in tutto il girone di ritorno la mia squadra ha avuto una continuità che forse non ha avuto nessun altro, anche dal punto di vista di non voler perdere. Questo aspetto mi lascia ben sperare”.