Top & Flop di Catania-Viterbese

15.09.2019 17:05 di Dario Conti   Vedi letture
© foto di Giuseppe Scialla
Top & Flop di Catania-Viterbese

Il Catania torna a gioire in casa contro la Viterbese. Al "Massimino" i rossazzurri vincono di misura (1-0) contro i laziali, grazie al rigore trasformato da Lodi al 49’. Poche occasioni nel corso nella gara, ci provano più i padroni di casa, nonostante le difficoltà a trovare spazi. Nel primo tempo l’unico sussulto lo crea Di Piazza, che controlla col destro e calcia di sinistro dal limite, impattando la traversa al 38'. Nella ripresa il cross di Lodi trova il presunto tocco di mani dentro l’area di un giocatore avversario; l’arbitro non ha dubbi e concede il rigore, che va a trasformare impeccabilmente lo stesso numero 10 etneo. Le sostituzioni non cambiano l’andamento della partita, che vede il Catania andare vicino al raddoppio, mentre la Viterbese non sembra trovare il modo di scardinare la retroguardia etnea. Con questo risultato, i gialloblu rimangono a 6 punti, mentre i rossazzurri salgono a 9 punti.

Ecco i top & flop della partita:

TOP

Welbeck (Catania): partita di quantità e qualità. E’ il solito lottatore in mezzo al campo, insegue l’avversario, non molla un contrasto, aiuta la squadra nelle due fasi di gioco. Il suo contributo, partita dopo partita, risulta determinante. Difficilmente Camplone potrà farne a meno. PREZIOSO

Fase difensiva (Viterbese): se il Catania fatica a costruire occasioni, un motivo ci sarà. Pochi varchi per i rossazzurri volenterosi per tutta la gara, ma che devono affidarsi più alle conclusioni dalla distanza, come quella Di Piazza al 38’ che va ad impattare la traversa dal limite dell'area. Il gol nasce dai piedi di Lodi, che ha la fortuna di trovare il tocco di mani sul suo cross e il merito di realizzare il rigore dagli undici metri. BENE

FLOP

Calapai (Catania): nella passata stagione si è distinto per le sue sgroppate sulla fascia destra. Contro la Viterbese invece il terzino, forse non aiutato a dovere da Mazzarani sulla sua corsia, emerge poche volte. Ad inizio secondo tempo, mister Camplone manda a scaldare Biondi, anche se poi si riaccomoda in panchina. Segno che forse qualcosa non è andata. RIMANDATO

Fase offensiva (Viterbese): pochi pericoli per la difesa etnea, che non ha difficoltà a neutralizzare le poche ripartenze ospiti. Camplone temeva una Viterbese chiusa nella propria metà campo e votata alle ripartenze, con la velocità dei suoi uomini. E la partita dice sostanzialmente questo. Anche qui.. RIMANDATA