Top & Flop di Juve Stabia-Catanzaro

21.04.2021 17:40 di Dario Conti   Vedi letture
Top & Flop di Juve Stabia-Catanzaro
TMW/TuttoC.com
© foto di Andrea Rosito

Allo stadio "Menti" il Catanzaro batte la Juve Stabia 0-1 nel recupero della 35^ giornata del campionato di serie C, girone C. Dopo un primo tempo su buoni ritmi per i padroni di casa, ma terminato a reti bianche, sono gli ospiti a sbloccare il match con la prodezza di Pierno, che al 53' si inventa un sinistro chirurgico da fuori area. Le vespe creano, ma sciupano diverse occasioni nel secondo tempo: prima del gol dei giallorossi, Marotta e Garattoni si divorano una clamorosa chance sul cross di Orlando. Poi è il turno di Elizalde, che colpisce l'incrocio dei pali con un colpo di testa sul cross di Caldore, mentre Fantacci impegna dal limite un attento Di Gennaro, ma i giallorossi resistono agli assalti, portando a casa la terza vittoria consecutiva e l'ottavo risultato utile consecutivo. Tre punti che riaccendono anche la corsa al secondo posto, visto che il divario dall'Avellino si riduce a due lunghezze. Dopo sei vittorie consecutive, si ferma invece il cammino della Juve Stabia, che resta ferma a 55 punti, a pari merito con il Catania. Ecco i top & flop del match:

TOP

Orlando (Juve Stabia): l'attaccante lavora molto sulla sinistra, servendo palloni invitanti ai compagni, ma Marotta e company non sono in giornata. DINAMICO. 

Pierno e Di Gennaro (Catanzaro): il classe 2001 rompe gli equilibri, firmando un gol tanto bello, quanto importante. L'estremo difensore salva, invece, la sua squadra dall'assedio dei padroni di casa, tenendo al sicuro il vantaggio minimo. DECISIVO E SARACINESCA.

FLOP

Rete (Juve Stabia): i padroni di casa fanno la partita, gestendo il possesso e creando diverse situazioni, ma si arrendono all'incrocio dei pali timbrato da Elizalde e alle parate di Di Gennaro. SFORTUNATI.

Nessuno (Catanzaro): i giallorossi interpretano correttamente la gara, lasciando l'iniziativa ai padroni di casa per poi colpire in contropiede, con la velocità di Di Massimo e la fantasia di Carlini, anche se a deciderla è il giovane Pierno. QUADRATI.