Repubblica: "Festa e default: le due facce della B del Trapani"

18.06.2019 09:30 di Sebastian Donzella Twitter:    Vedi letture
Repubblica: "Festa e default: le due facce della B del Trapani"

"Festa e default: le due facce della B granata. La gioia della città ma c'è l'urgenza di vendere la società". Titolo con doppia accezione, positivissima la prima, negativa al momento la seconda, quello dell'edizione odierna di Repubblica sul Trapani. Nel pezzo si legge: "Duemiladuecentoventicinque giorni. Tanto il tempo trascorso fra il 13 maggio del 2013 e il 15 giugno del 2019. Le due date storiche delle promozioni in serie B del Trapani. Tantissima acqua è passata sotto i ponti in questi sei anni.

E adesso viene il difficile. I termini per l' iscrizione scadono il 24 giugno. Sulla base di un compromesso firmato venerdì ( in cui sarebbe prevista una penale per entrambe le parti, in caso di " pentimento"), il finanziere Giorgio Heller, domenica mattina, ha pubblicato un comunicato in cui è scritto: « Dopo mesi di trattative, è stato trovato e siglato l' accordo per la cessione dell' 80% delle quote del cub, l' attuale De Simone resterà in società al 20%... Siamo al lavoro per calibrare al meglio la compagine sociale di alto profilo che guiderà il Trapani dalla prossima stagione con un progetto ambizioso e di lungo periodo » . Ora, pare che De Simone, avendo ricevuto altre offerte (ce n' è certamente una di una finanziaria spagnola), spererebbe di poter giocare al rialzo. Il problema è che i tempi stringono inesorabilmente: se non si procederà al più presto al trasferimento delle quote, il rischio che il Trapani non si possa iscrivere diventerà concreto".