Caso Strambelli, quando i tifosi hanno voce nel mercato

 di Dario Lo Cascio Twitter:   articolo letto 2390 volte
© foto di Emanuele Taccardi/TuttoMatera.com
Caso Strambelli, quando i tifosi hanno voce nel mercato

Il mercato lo fanno le società, i procuratori, i giocatori con la loro volontà. A volte anche i tifosi. Sembrava fatta per il passaggio di Nicola Strambelli dal Matera al Lecce, ve ne abbiamo parlato in più di un'occasione anche qui su TuttoC.com. Trattativa ai dettagli, ufficialità attesa a breve. Ma tutto è stato congelato a causa di uno striscione.

"Strambelli infame barese, a Lecce non ti vogliamo". Questo quanto scritto dai supporter giallorossi su uno striscione apparso in città. Al giocatore si impuntano le esultanze dopo i gol segnati proprio al Lecce con le maglie di Fidelis Andria e Matera. Si sa che tra Bari e Lecce c'è da sempre un'accesa rivalità calcistica. E il giocatore, nativo proprio di Bari, usò un'esultanza collegabile ai biancorossi: il trenino. Uno sfottò imperdonabile per la tifoseria del Lecce.

Ecco quindi che, nonostante Strambelli sia stato richiesto da Liverani, e che la società lo stesse per accontentare senza porsi troppi problemi, l'affare forse non si farà. Non è la prima volta del resto che i tifosi impediscono un affare sostanzialmente fatto, è accaduto anche in categorie superiori. Famoso fu l'affare fatto tra Inter e Juventus, circa dieci anni fa, per il trasferimento in bianconero di Stankovic. Ma i tifosi si opposero all'acquisto, che sfumò. 

Adesso la patata bollente passerà alla società di Saverio Sticchi Damiani. Il Lecce ignorerà il volere della piazza, ingaggiando comunque il giocatore oppure virerà su un altro profilo per non scontentare il pubblico? E se Strambelli arriverà in giallorosso, saprà fin da subito riappacificarsi con il "Via del Mare", magari a suon di gol e assist? Lo scoprirero nella prossima puntata.