INTERVISTA TC Ardito: "Siena nel cuore. Derby sarà difficilissimo"

 di Raffaella Bon  articolo letto 343 volte
© foto di Jacopo Duranti/TuttoLegaPro.com
INTERVISTA TC Ardito: "Siena nel cuore. Derby sarà difficilissimo"

Dopo la sconfitta inattesa in casa contro il Pontedera, il Siena ha perso punti nei confronti del Livorno capolista, ora avanti di 5 lunghezze e con una partita in meno. Per capire il momento dei bianconeri, TuttoC.com ha intervistato Andrea Ardito, ex centrocampista senese a inizio millennio, con una promozione in A e una salvezza l'annata dopo.

Cosa sta succedendo a Siena?

"Lo seguo con attenzione visto che c'è il mio ex direttore ed è una piazza che mi è rimasta nel cuore. È un periodo in cui i risultati non arrivano: prima girava tutto bene, adesso è il contrario. Sia contro il Livorno che contro il Pontedera: con quest'ultimi hai preso gol all'ultimo secondo e sicuramente meritavi di più. Il momento negativo, però, vale solo per i risultati perché le prestazioni sono comunque positive".

Più sfortuna o disattenzione?

"Nel calcio si sa che gli episodi condizionano le partite. Ripeto: se uno valuta la prestazione, non può che vederla positiva. L'importante è andare avanti con le scelte prese all'inizio".

La piazza come può reagire? 

"Parliamo di una piazza intelligente che credo valuterà le prestazioni al di là dei risultati. Il tecnico Mignani e il suo vice Vergassola ti danno la certezza che lavorano bene. C'è maggiore fiducia rispetto ad altre annate essendoci un legame forte tra i due e la città".

Prossima gara, dopo la sosta, il sentito derby con l'Arezzo.

"La sosta non si sa mai se può essere positiva o negativa. Di certo hai sempre voglia di essere in campo. L'Arezzo sta disputando un campionato altalenante, ha cambiato allenatore e sicuramente vive una situazione non molto serena. Ma è un derby e come tutti i derby sarà difficilissimo. Il Siena dovrà pensare a fare la partita come sa".