Padova, Santini: "Ci tenevo a segnare alla prima ufficiale"

24.09.2020 10:40 di Dario Lo Cascio Twitter:    Vedi letture
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
Padova, Santini: "Ci tenevo a segnare alla prima ufficiale"

Claudio Santini, attaccante del Padova, in rete nel successo sul Breno, a fine gara, come riportato dal sito ufficiale biancoscudato, ha dichiarato: “Siam partiti bene, siam felici della prestazione e della vittoria ed io personalmente per il gol. Prima di tutto viene il risultato, se avessimo vinto e non avessi fatto gol sarebbe stato bello uguale. Una liberazione? No è esagerato dirlo, è stato il coronamento di ottime prestazioni anche con poco minutaggio, ci tenevo a segnare alla prima ufficiale per dimostrare che ci sono e voglio fare un ottimo campionato. Il ruolo? Io cerco sempre di mettermi sempre a disposizione, a di la del ruolo, penso di trovarmi bene e mettendoci un po’ del mio. L’impegno è sempre massimo, cerco di captare le indicazioni del mister. Qualora il mister lo volesse in futuro potrei fare l’attaccante centrale. Lo sciopero? La situazione non è semplice, c’è uno scontro tra la nostra associazione e la lega, la maggior parte dei calciatori sta pensando di fare lo sciopero, anche noi ci troviamo d’accordo con questa scelta, questa regola toglie molto spazio a molti giocatori, in futuro potrebbe capitare ad uno dei miei compagni o a me per primo. Ora tocca alla Lega incontrarsi e trovare una soluzione, spero salti lo sciopero, altrimenti non credo si giocherà. Breno? Queste sono le partite più insidiose, finora abbiamo giocato con squadre di categorie superiore, le motivazioni li è più facile avercele, invece abbiamo dimostrato anche oggi di essere una grande squadra. Padova favorita del campionato? E’ una delle favorite, abbiamo un organico importante, ci sono altre squadre che lotteranno con noi. Senza il pubblico? Era la mia prima all’Euganeo senza spettatori, penso che alcuni giocatori soffrono le pressioni del pubblico, altri che il pubblico da qualcosa di più in termini di motivazioni, per me è difficile non avere i nostri tifosi e a noi penso tolga qualcosa, al di la di questo credo che  siamo una squadra forte che farà un buon campionato”.