Arezzo, Luciani: "Niente alibi, ma qualcuno ci ha levato qualcosa"

16.09.2019 15:50 di Giacomo Principato   Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Arezzo, Luciani: "Niente alibi, ma qualcuno ci ha levato qualcosa"

C'è parecchio rammarico nella parole di Alessio Luciani che si portavoce di una squadra, il suo Arezzo, che viene raggiunto sull'1-1 nel finale dalla Pergolettese. Vibranti le proteste dei toscani per un calcio di rigore concesso, a loro avviso ingiustamente, ai lombardi. Il difensore degli amaranto dichiara così al termine della contesa: "Siamo una squadra che non cerca alibi da nessuna parte. Crediamo nel lavoro, nel sacrificio, nella costanza che ci mettiamo nel fare le cose e in questa gente che si sposta in massa per venirci a tifare. Qualcosa a loro dobbiamo dare e oggi (ieri, ndr) abbiamo dato il massimo: siamo usciti dal campo con le maglie super sudate. É sotto gli occhi di tutti che così non va per niente bene, meritiamo rispetto. Non ci sto assolutamente a pareggiare una partita in cui la Pergolettese fa un tiro in porta e calcia un rigore. Il nostro compagno di squadra ha mandato il pallone fuori dal campo evidentemente in vantaggio sull'avversario, non ci sta che noi dobbiamo prendere questo penalty. É andata così, ci sarà qualcuno che dovrà prendersi delle responsabilità per cercare di far sì che queste cose non succedano più o non sempre e solo a noi. Abbiamo fatto una partita perfetta dominando e facendo quello che ci aveva chiesto il mister, venivano da un periodo di inattività dovuto allo spostamento di una partita. Siamo amareggiati e arrabbiati, ma a testa alta. Meritavamo di vincere e qualcuno ci ha levato qualcosa".

Il terzino passa poi a un'analisi dell'incontro: "Nel primo tempo ricordo loro non hanno preso lo specchio della porta, mentre noi abbiamo creato tanto. Nel secondo non abbiamo chiuso la partita però non ci siamo abbassati e abbiamo tenuto alta la testa creando le nostre occasioni. Voglio solo prendermi ciò che è mio già da mercoledì e regalare una gioia ai nostri tifosi perché se la meritano".

Il classe '90 è stato adattato sulla fascia sinistra viste alcune assenze: "Spero che Borghini non abbia subito nulla di grave. Siamo un gruppo in cui tutti possono giocare titolari, c'era questa emergenza e mi sono messo a disposizione del mister come ho sempre fatto in carriera. Anche non essendo il mio piede ho cercato di dare il massimo, in maniera tale che la squadra possa portare a casa quel 100% che non è arrivato. Bisogna metterci sotto e ribaltare la situazione, meritavamo la vittoria ma qualcuno ce l'ha portata via ingiustamente".