Lucchese, il sindaco tuona: "Non collaboreremo più con questa proprietà"

24.06.2019 19:10 di Dario Lo Cascio Twitter:    Vedi letture
© foto di Luigi Gasia/TuttoLegaPro.com
Lucchese, il sindaco tuona: "Non collaboreremo più con questa proprietà"

Dura presa di posizione contro la Lucchese di Alessandro Tambellini, sindaco di Lucca, e Stefano Ragghianti, assessore allo sport della città toscana. Con una nota, riportata da gazzettalucchese.it, hanno annunciato di chiudere ogni tipo di dialogo con l'attuale proprietà del club: “Dopo una stagione straordinaria per il valore e l'impegno dei giocatori, siamo giunti a un punto in cui è doveroso dividere l'affetto ed il rispetto dovuto al simbolo sportivo più antico e prestigioso della nostra città dai fatti e dai risultati conseguenti alle ultime gestioni proprietarie della squadra, che hanno portato alla situazione attuale.  

Nonostante quello che la proprietà (a noi sconosciuta) vuol far credere, non basterà uno stadio a salvare la Lucchese. Nonostante tutto in il nostro impegno, anche in questi ultimi giorni a cercare uno stadio alternativo al Porta Elisa, la Lucchese potrà salvarsi solo se gli attuali proprietari decideranno di adottare un progetto sportivo a medio lungo termine definito e sostenibile, a cui un'amministrazione possa dare credito e a cui soprattutto possano dare credito nuovi investitori. 

Per lealtà verso i tifosi e tutti i cittadini dobbiamo pertanto annunciare che l'amministrazione comunale, dopo essersi lungamente spesa per trovare uno stadio e per risolvere una mole notevole di problemi, non ha più intenzione di collaborare - se non nelle forme minime dovute come istituzione pubblica - con l'attuale proprietà, né con altre persone il cui intento non sia definito, chiaro e pubblico.

Come amministrazione abbiamo cercato di ottenere un ricambio proprietario a favore di imprenditori locali i cui intenti fossero cristallini. Il Comune di Lucca, che è fra i creditori della società, non è riuscito ad ottenere adesioni significative. Davanti al tavolo del sindaco si sono sedute una notevole quantità di persone senza tuttavia idee chiare sul futuro della società. Il sindaco fra l'altro non ha mai nascosto le condizioni dello Stadio Porta Elisa e le sue notevoli criticità così come emerse anche dagli studi più recenti.

Se l'attuale proprietà non è comunque intenzionata a cedere il controllo della società ad altri - concludono il sindaco e l’assessore - porti i libri in tribunale dove finalmente si chiarirà la storia di questi anni. Il Comune è pronto ad accogliere e collaborare con chi si farà carico di proseguire l'eredità e la storia preziosa della Lucchese Libertas 1905 secondo i veri valori dello sport”.