Top & Flop di Virtus Entella-Carrarese

04.05.2019 19:07 di Alessio Lamanna   Vedi letture
Mister Roberto Boscaglia
TMW/TuttoC.com
Mister Roberto Boscaglia
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La Virtus Entella si riprende quello che era suo. I chiavaresi tornano meritatamente in Serie B e in queste parole non c'è nessun intento di svilire la splendida stagione del Piacenza. Ma, obiettivamente, l'Entella in C non avrebbe dovuto nemmeno esserci: fatta fuori dalla cadetteria per giochi di potere che in estate hanno impedito il ripescaggio dopo il caso Cesena, la squadra ligure ha iniziato il campionato un mese e mezzo dopo le altre. Costretta a costruire praticamente due rose per sopperire ai tantissimi recuperi giocati in infrasettimanale, la squadra di Boscaglia ha dimostrato un'enorme forza caratteriale. Dopo il ko di Piacenza chiunque sarebbe crollato, invece i diavoli neri hanno rimesso insieme i cocci e si sono presentati a quest'ultima giornata con una sola possibilità: vincere e sperare che il Piacenza non vincesse a Siena. 

Nel primo tempo le occasioni migliori sono per Iocolano, Mota e, dall'altra parte, Biasci. Il risultato non si sblocca, all'intervallo anche a Siena è 0-0. 

Nella ripresa Mazzini nega il gol prima a Ardizzone e poi a Mota. Dopo i primi cambi la Carrarese prende campo, ma le occasioni sono sempre per l'Entella e soprattutto per Mota. Intanto arriva la notizia del vantaggio e poi del raddoppio del Siena col Piacenza, che non segnerà più. L'occasione è troppo ghiotta ma la tensione è altissima e toglie lucidità sottoporta ai biancazzurri: gol sbagliati da Eramo e dai subentrati Currarino e Mancosu. All'89', però, proprio questi ultimi confezionano il gol-promozione: Currarino serve l'ex Montreal Impact che si invola verso Mancini, lo dribbla e segna scatenando la gioia del popolo chiavarese!

Ecco top e flop della gara: 
 

TOP

Mister Roberto Boscaglia / Matteo Mancosu (Virtus Entella): è d'obbligo la menzione per il man of the match, l'uomo che è stato preso a gennaio dal presidente Gozzi proprio per segnare gol così importanti. Mancosu ne ha fatti sette e quando ha segnato l'Entella ha sempre vinto. Oggi ci mette senso della posizione, senso del gol ed esperienza. MANCO(su) A DIRLO
Ma questa è senz'altro la promozione di mister Boscaglia, riuscito a tenere insieme un gruppo che poteva esasperarsi per i tanti impegni ravvicinati. Lui ha mantenuto la lucidità: anche oggi, rifiutandosi di buttare dentro attaccanti a caso come altri avrebbero fatto. Ha avuto ragione e si prende un'altra promozione dopo quella col Trapani. GLADIATORE

Stefano Mazzini (Carrarese): para quello che può, cioè parecchio. Bravissimo su Ardizzone, su Mota e su Currarino. Per scalare la classifica i suoi avrebbero avuto bisogno di vincere, alla fine sono capitolati e di fronte al cecchino Mancosu nemmeno il 20enne portiere di proprietà atalantina ha potuto nulla. BALUARDO


FLOP

Dany Mota Carvalho (Virtus Entella): senza quel gol di Mancosu, c'è da scommettere che il portoghese non avrebbe dormito per diverse notti pensando ai gol falliti oggi. Emblema di una squadra un po' stanca mentalmente, corona una stagione strepitosa con una promozione che potrebbe lanciarlo nel calcio dei grandi. UNA MACCHIA TRASCURABILE

Mister Silvio Baldini (Carrarese): decide di mettere in campo una formazione strana, tenendo fuori praticamente tutto l'attacco titolare e affidando una squadra inedita al suo vice Marchionni. Ci spiegherà il motivo, anche perché pure la Carrarese aveva una posta in palio importante: vincendo sarebbe arrivata quarta. Invece perde, arriva settima e complica un po' il cammino playoff. STRATEGIA DA CHIARIRE