Top & Flop di Vibonese-Virtus Francavilla

26.02.2020 19:10 di Giacomo Principato   Vedi letture
Fabio Tito, TOP
© foto di Andrea Rosito
Fabio Tito, TOP

Si conferma maestra delle rimonte la Vibonese che porta a casa il secondo successo di fila – tre in totale – ribaltando il punteggio. Ha un valore alto il 2-1 con cui i rossoblu si avvicinano a un passo dalla quota salvezza e si lanciano nella bagarre playoff. Ne fa le spese la Virtus Francavilla che parte bene e poi cede il passo ai padroni di casa, audaci e fortunati prima nel rientrare in gara con Pugliese e poi nel passare in vantaggio col tocco a porta sguarnita di Prezzabile nel finale. Per i biancazzurri, che a tempo scaduto vedono sventolare il cartellino rosso a Tiritiello, la seconda rete consecutiva di Di Cosmo si rivela vana e i rimpianti sono tanti. Un passo indietro evidente dopo la roboante vittoria sul Catanzaro dello scorso turno per i pugliesi agganciati dall'Avellino – vittorioso nel pomeriggio contro la Paganese – al decimo posto. I calabresi compiono invece un nuovo passo avanti scavalcando la squadra di Bruno Trocini piazzandosi così in nona posizione.

TOP

Fabio Tito (Vibonese): il successo passa anche dai suoi piedi. Così come all'andata, il terzino mette la propria firma sull'incontro con una prestazione autorevole. E lo fa da subentrato. Mossa azzeccata da parte di Giacomo Modica che mette sul terreno di gioco l'elemento di scompiglio, una fonte costante di traversoni e palloni per i compagni: uno di questi è la base della rete dei tre punti. DETERMINANTE

Giacomo Poluzzi (Virtus Francavilla): potrà pur avere delle responsabilità su entrambe le reti – sicuramente sulla seconda -, ma il classe '88 è l'unico a tenere a galla la squadra. Nel primo tempo sbarra la strada a Bernardotto, nel secondo ingaggia un “duello a distanza” con Emmausso che stravince a suon di parate. BALUARDO

FLOP

L'avvio della Vibonese: spenta e senza idee nei primi minuti, la squadra di Giacomo Modica sbaglia a ripetizione e va sotto nel punteggio. Da un pallone perso a centrocampo ecco l'inizio di un pomeriggio vissuto sulle montagne russe. Col passare dell'incontro, per loro fortuna, le cose cambiano. INCOSTANTI

Andrea Tiritiello (Virtus Francavilla): pomeriggio da dimenticare per il classe '95. Parte bene insieme al resto della squadra, col passare del tempo entra però in confusione. Prima, per questione di centimetri, non commette un fallo da rigore e poi nel concitato finale viene espulso per doppia ammonizione. NERVOSO