INTERVISTA TC - Ag. Sodinha: "Nessuno come lui. La sua arte non è per tutti"

11.01.2021 16:00 di Sebastian Donzella Twitter:    Vedi letture
INTERVISTA TC - Ag. Sodinha: "Nessuno come lui. La sua arte non è per tutti"
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Un weekend niente male per l'agente Daniel Piconcelli che ha visto andare a segno, in poche ore, due dei suoi assistiti: Sodinha del Modena con un supergol e Possenti del Renate addirittura con una doppietta da difensore. TuttoC.com lo ha intervistato per commentare l'ultimo turno dei "suoi" giocatori.

Iniziamo da Sodinha: una punizione fenomenale da quasi 30 metri. E il Modena continua a rimanere in testa alla classifica.
"Sodinha è un artista del calcio , ed il gol di ieri è un’opera d’arte. È l’unico calciatore dei 3 gironi di C che può risolvere le partite in qualsiasi momento. Purtroppo l’arte non è capita da tutti nello stesso modo. Per cui un bozzetto di Leonardo Da Vinci se ritrovato dalla persona sbagliata può sembrare uno scarabocchio. Le giocate come quella di ieri invece sono come la Gioconda, vengono universalmente riconosciute da tutti, amanti e non".

In quel di Modena sembra rinato. Anche fisicamente.
"Felipe sta molto bene a Modena, ha un feeling importante con la piazza, che lo ha accolto e amato sin dal primo giorno. Mai come quest’anno è stato così bene a livello fisico ed aerobico. Mentalmente è sempre rimasto sul pezzo, nonostante la serie di partite non giocate, e lo ha dimostrato ieri segnando un gol del genere 4 minuti dopo essere entrato in campo, peraltro in una delle giornate più fredde dell’anno. Ho ricevuto diverse chiamate da altri club ma la voglia di rimanere a Modena c'è".

Passiamo a Possenti, diventato difensore goleador di un'altra capolista: tre gol in tre giornata, due ieri alla Pro Sesto.
"Già  l'anno scorso aveva disputato un campionato d'altissimo profilo. Nel suo girone era risultato il calciatore col maggior numero di duelli vinti. Quest'anno sta facendo ancora meglio in una squadra come il Renate che sta facendo alla grande. Sono contento perché oltre a essere un giocatore forte è anche un ragazzo che merita. Prima era un bravissimo difensore, ultimamente è diventato anche decisivo sottoporta".