INTERVISTA TC - Ds Gozzano: "Tornare qui scelta di cuore"

01.08.2019 07:30 di Stefano Scarpetti   Vedi letture
Alex Casella
Alex Casella

Prosegue il lungo rapporto fra il direttore sportivo Alex Casella e il Gozzano, interrotto solo per sei mesi da gennaio a giugno dello scorso anno. Da poco è tornato in sella il giovane dirigente del club piemontese, di questo e delle prospettive della formazione rossoblù nella stagione ventura ne ha parlato in esclusiva ai microfoni di TuttoC.com.

Direttore come si può definire l’esperienza vissuta al Carpi?
"A livello personale i sei mesi passati nel club biancorosso li giudico positivi e formativi, purtroppo per quanto riguarda il campo è arrivata una retrocessione che abbiamo cercato in tutti i modi di evitare fino all’ultimo. Tuttavia ringrazio il presidente Bonacini per l’occasione offerta”.

Si sono create quindi le condizioni per tornare al Gozzano?
"Dopo la morte del presidente Alberto Allesina, evento che ha colpito tutto l'ambiente rossoblù per l'importanza rivestita nel club, i loro familiari mi hanno chiesto se potevo dare una mano alla società, e io ho accettato con grande entusiasmo. Qui è casa mia, compreso gli anni da calciatore sono 14 anni che mi trovo in questo ambiente".

Nella sessione di mercato da voi condotta spicca l'arrivo di un calciatore talentuoso con trascorsi in piazze importanti come Barreto. Ci può raccontare come è andata la trattativa?
"Sinceramente la trattativa è stata molto veloce, in 48 ore abbiamo chiuso. Si tratta di una calciatore di grandi qualità tecniche, noi rispetto ad altre squadre possiamo aspettarlo, tuttavia non è l'unico abbiamo deciso di fare una squadra che punti sulle qualità tecniche. Sono arrivati altri elementi in grado di fare la differenza come Pozzebon, Concas, Rolle e Barnofsky".

L'obiettivo per la prossima stagione rimane la salvezza?
"Partiamo per mantenere la categoria. Per raggiungere questo obiettivo dobbiamo fare una vera e propria impresa perché il livello delle squadre di medio bassa classifica si è innalzato, non esistono squadre più deboli delle altre, ne consegue che ci sarà maggior equilibrio nella stagione ventura, ma noi comunque vogliamo ben figurare".

L'anno prossimo potrete sfruttare effettivamente il fattore campo.
"Torniamo a giocare nel nostro stadio, questo rappresenta inevitabilmente un arma in più da poter sfruttare quando il calendario ti presenta le gare casalinghe. Non siamo ancora in grado di dire ai nostri tifosi quale sarà la data del nostro esordio a Gozzano, ma siamo certi che questo avverrà, sicuramente rispetto allo scorso anno è un beneficio significativo".

Lo scorso anno al vostro esordio nel mondo della terza serie avete assistito ad enormi difficoltà a far partire la stagione, a distanza di un anno possiamo dire che il vento sia cambiato. 
"Con l'arrivo del presidente Francesco Ghirelli, la situazione è decisamente migliorata. Sono state stabilite regole più certe e secondo me si è intrapresa la scelta giusta verso una normalizzazione e crescita del nostro calcio, condivido la scelta sui giovani, noi in questo senso siamo fra le società maggiormente virtuose".