INTERVISTA TC - Lucci: "Ternana e Bari se la giocheranno fino alla fine"

28.11.2020 07:30 di Raffaella Bon   Vedi letture
INTERVISTA TC - Lucci: "Ternana e Bari se la giocheranno fino alla fine"
TMW/TuttoC.com
© foto di Andrea Pasquinucci

Settimio Lucci, storico ex calciatore del Piacenza, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di TuttoC.com, per un commento sulla squadra biancorossa: "Sta vivendo un momento delicato, ho visto l'ultima partita in televisione, i recenti risultati sono stati condizionati senza dubbio dal Covid, con tantissimi giocatori contagiati. Una situazione difficile, complicata, è stata fatta una scelta, ovvero quella di puntare sui giovani. C'erano già dei punti interrogativi e la cosa si è complicata. Spero che la squadra si tiri fuori da questa situazione, che l'allenatore riesca a recuperare tutti e trovare la quadratura. Penso che se riescano in questo e trovando l'assetto giusto, possono giocarsela. Obiettivamente però adesso si trova in un momento difficile". 

Adesso la squadra è attesa dalla trasferta di Como.
"Sicuramente una sfida proibitiva, però questo campionato ci dice che c'è un grosso livellamento, esclusa qualche squadra. E il Como è una formazione di categoria, con giocatori esperti, che punta ai vertici. Anche alla luce delle assenze la vedo problematica, ma tutte le gare vanno giocate e partono da 0-0". 

Passando a un'altra sua ex squadra, la Ternana sta dominando nel Girone C.
"Ho un'idea ben precisa dei rossoverdi. A parte che ha giocatori di livello, un bravo allenatore, adesso ha alle spalle una società importante. Alla base di ogni successo di una squadra c'è sempre un club importante. Il campionato delle Fere non mi sorprende. Giocare a porte chiuse forse toglie anche un po' di tensione in una piazza sempre esigente. A esempio sta succedendo anche al Milan, con giocatori liberi di esprimersi, che non vengono fischiati al secondo pallone sbagliato. Può alla fin fine essere un vantaggio, fermo restando che i tifosi di Terni sono splendidi". 

Cos'ha la Ternana più del Bari?
"Sono due squadre costruite per vincere. I pugliesi forse hanno una situazione ancor più pressante. Lì sono abituati a vedere la Serie A, ha una società altrettanto importante dietro e lì forse c'è anche più pressione. Vedremo comunque alla lunga chi la spunterà ma entrambe lotteranno fino alla fine per vincere il campionato". 

Può essere questo l'anno dei rossoverdi?
"Oggi giocano con la Vibonese, viaggiano con il vento in poppa. Le difficoltà credo possano crearsele solo da soli, magari sottovalutando l'avversario. Ma penso anche che questo sia impossibile, vista la qualità dell'allenatore e dello staff, che non faranno mai abbassare la tensione. Non so se sarà il loro anno. Ripeto, credo che anche il Bari se la giocherà fino alla fine. Ci vuole anche un pizzico di fortuna in questo anno segnato dall'epidemia, evitando i contagi si potrà schierare sempre la squadra migliore possibile e questo alla lunga influirà anche sulla vittoria del torneo".