INTERVISTA TC - Millesi: "La forza dell'Avellino è il popolo biancoverde"

29.06.2020 17:00 di Raffaella Bon   Vedi letture
© foto di Luigi Gasia/TuttoLegaPro.com
INTERVISTA TC - Millesi: "La forza dell'Avellino è il popolo biancoverde"

Francesco Millesi, ex calciatore e capitano dell’Avellino, in esclusiva per TuttoC.com parla degli irpini attesi mercoledì dall’impegno playoff contro la Ternana valido per il primo turno della competizione.

 Un’annata tribolata fuori dal campo per l’Avellino che l’1 luglio tornerà in campo per giocarsi i playoff. Si sarebbe aspettato la loro partecipazione?

“Considerando l’inizio di campionato con tanti problemi, prendere parte ai playoff è una fortuna. Si ha la possibilità di fare grandi cose e scrivere un'altra pagina di storia del club”.

Crede sia servito il cambio del mister a stagione in corso?

“Nessuno può saperlo, non c'è un metro di paragone in quanto mister Ignoffo non ha finito il torneo. Capuano è un allenatore con tanta esperienza ed è molto astuto, è un grande ad attaccare alle spalle quanto meno te lo aspetti. Credo che riuscirà a fare belle cose in questi playoff”.

Qual è il punto di forza di questa squadra?

“La forza di questo gruppo è il popolo biancoverde, come sempre d'altronde. Sono loro che trascinano la squadra, sono la vera potenza. Poi se in rosa ci sono calciatori con carattere e carisma è sempre meglio”.

Che Ternana si aspetta?

“L'avversario è veramente tosto, ha un ottimo gruppo e un grande allenatore. Non sarà facile per l’Avellino, tutti contro di loro raddoppiano le forze”.

Che gara sarà?

“Sarà una gara molto tattica conoscendo gli allenatori, ovviamente chi sbaglia paga per cui è sempre meglio condurre una partita di testa che di entusiasmo”.

In questi giorni Capuano ha avuto qualche problema, ma la sua presenza in panchina non è in dubbio.

“Siamo abituati a vedere mister Capuano fare cose da supereroe, lui è un condottiero che non molla mai e spero che non carichi troppo il gruppo con la sua voglia di fare perché si rischia di perdere la lucidità a livello psicofisico. Bisogna arrivare prima dall'avversario sul pallone e non avere l'ansia di sbagliare”.

Chi crede saranno i protagonisti della sfida?

“Oggi è difficilissimo individuare calciatori protagonisti, il calcio diverso ha fatto disperdere questo tipo di giocatori. Il vero uomo protagonista è il popolo biancoverde, loro non falliscono mai agli appuntamenti: hanno fatto grande l'Avellino e continueranno a farlo sempre”.