INTERVISTA TC - Zichella: "Monza, Triestina e Teramo le big da battere"

23.08.2019 07:30 di Claudia Marrone Twitter:    Vedi letture
© foto di Uff. Stampa Teramo
INTERVISTA TC - Zichella: "Monza, Triestina e Teramo le big da battere"

Sempre più prossimo l'avvio della stagione 2019-2020 di Serie C, che, dopo anni, conta 60 formazioni ai nastri di partenza: squadre che si daranno battaglia per i rispettivi obiettivi e che adesso scalpitano per scendere in campo.
Ai microfoni di TuttoC.com, è mister Giovanni Zichella a fare un punto su quelli che sono i tre gironi.

24 ore al via. Che estate è stata per la Serie C?
“Sicuramente un’estate diversa, direi l’estate delle regole. Chi aveva i requisiti si è potuto iscrivere, e credo quindi che si arriverà al 30 giugno con 60 squadre: c’è più sicurezza, più solidità, componenti importanti per permettere a tutti di lavorare con serenità”.

Cambiano anche i gironi, il Monza è la stella annunciata del Girone A.
“Indubbiamente si. Ma io punto l’attenzione anche sulla Juventus U23, che sarà quest’anno la vera sorpresa: lo scorso anno ha sottovalutato troppo il campionato di C, quest’anno credo invece farà una buonissima stagione, anche in virtù della rosa più esperta che ha costruito”.

Cosa dobbiamo invece aspettarci, nel Girone B, dalle deluse dell’anno passato Triestina e Piacenza?
“La Triestina può fare bene, come il Piacenza, ma il calcio va a cicli e quest’anno credo proprio sia l’anno degli alabardati. Vedo poi bene il Cesena, che potrebbe essere l’outsider del raggruppamento: è una piazza importante, che dalla sua ha anche la spensieratezza”.

Definito invece il “girone di fuoco” il C.
“Sarò controtendenza, ma per me nel Girone C la vera squadra da battere è il Teramo. Ci sono tante ottime formazioni come Reggina, Ternana, Bari, Catanzaro e Catania, ma gli abruzzesi hanno qualcosa in più, quest’anno stanno davvero facendo bene. Hanno due titolari per ruolo, e in campo questo conta, e stanno programmando a lungo termine grazie al club solido e competente che hanno: la chiarezza degli obiettivi per un tecnico è importante, i dirigenti sono coerenti con ciò che dicono. E per vincere la società è fondamentale”.

Quale è stato il grande colpo di mercato messo a segno finora?
“Se la Juventus riesce a trattenere Lanini, di sicuro quello”.

Da chi si aspetta invece ancora qualcosa?
“Probabilmente il Teramo completerà la rosa con un altro difensore centrale, ma mi aspetto molto dalle squadre che puntano sui minutaggi dei giovani e devono ora puntellare la rosa. Chi doveva fare il mercato importante lo ha già fatto”.