Debutto in Serie A a quasi 40 anni per un ex Lega Pro

16.05.2016 11:00 di Maurizio Ribechini  articolo letto 4554 volte
© foto di Federico De Luca
Debutto in Serie A a quasi 40 anni per un ex Lega Pro

Spesso parliamo di giovani giocatori che, dopo aver iniziato la propria carriera in Lega Pro, arrivano a esordire in Serie A dando il via a una carriera importante. Stavolta invece raccontiamo la storia di Maurizio Pugliesi, portiere toscano classe '76, 40 anni il prossimo 27 dicembre, che ha esordito in massima serie nell'ultima giornata di campionato, giocando da titolare in occasione della vittoria del suo Empoli per 2-1 sul Torino. Tale esordio è arrivato all'epilogo di una lunga carriera passata fra Serie B e Lega Pro. 

Fino ai 25 anni non era mai andato oltre la Serie C2 (prima a lungo al Pontedera, poi per alcuni mesi al Montevarchi). Seguono le esperienze in Serie B al Pescara e ancora in C2 con il Grosseto, poi sei stagioni al Rimini (di cui quattro in Serie B e due in "terza serie"). A 34 anni passa al Pisa dove gioca per quattro campionati di Lega Pro. Fino alla chiamata in Serie A arrivata nell'estate 2014, ad Empoli, con l'intero scorso campionato passato in panchina, così come pure questa stagione, fino però all'ultima giornata quando mister Giampaolo gli ha dato l'occasione che aveva sempre sognato: ovvero giocare in massima serie. Un sogno che adesso per Pugliesi si è realizzato.

Da aggiungere che questo è un record nazionale: Pugliesi diventa infatti il più "anziano" debuttante in Serie A, superando un primato che resisteva dal lontanissimo 1932, quando Amílcar Barbuy, attaccante brasiliano della Lazio, aveva esordito a 38 anni.