Ghirelli: "Non siamo in grado di reggere, AIC se ne renda conto"

22.09.2020 18:50 di Giacomo Principato   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Ghirelli: "Non siamo in grado di reggere, AIC se ne renda conto"

Nel corso di un'intervento a Corner, il numero uno della terza serie Francesco Ghirelli ha spaziato su diversi argomenti: "Noi inizieremo alla fine di settembre il campionato, dobbiamo chiudere presto perchè ci sono gli Europei. Abbiamo nove gare infrasettimanali, auguriamoci che non succeda nulla. Non possiamo permettercelo dal punto di vista organizzativo ma ancor più della regolarità. Chi mi conosce sa che sono portato sempre a trovare punti di mediazione. C’è un problema, l’AIC si deve rendere conto che non può esistere una situazione nella quale i costi dei contratti sono quelli pre-pandemia e le entrate per i club post-pandemia. La combinazione di questi elementi porta ad un default del calcio italiano. Bisogna che s’intervenga per eliminare dei costi che non esistono e puntare sui giovani. La media delle rose a disposizione è di 25 calciatori alcune società hanno addirittura 38 giocatori in organico. Di questi ne scendono in campo 16-17. Non possiamo chiedere agevolazioni economiche al Governo e buttiamo via 11 milioni di euro in questo modo. L’AIC deve rendersi conto che non siamo in grado di reggere. Le società non ce la fanno. Vogliamo trovarci disoccupati? Far saltare i club che già hanno problemi? E’ un errore gravissimo insistere con la questione sciopero", le parole riprese da tuttocalciocatania.com.