Lega Pro, tutte le novità di giornata tra promozioni e retrocessioni

29.05.2020 23:30 di Sebastian Donzella Twitter:    Vedi letture
Lega Pro, tutte le novità di giornata tra promozioni e retrocessioni

In Lega Pro sarà un inizio giugno rovente, a prescindere dalle temperature. I primi giorni del mese in arrivo saranno di pura attesa. I club di Serie C, infatti, dovranno aspettare il Consiglio Federale che prenderà, finalmente, una decisione su come concludere la stagione in terza serie.

Dopo il Direttivo di Lega Pro di oggi, comunque, le nubi si sono diradate e il quadro è molto più chiaro: alla presenza del presidente FIGC Gravina, l'organo di Serie C ha deciso di seguire le strade ipotizzate dal precedente Consiglio Federale per la Lega Pro. Ovvero la disputa di playoff (su base volontaria) e playout se la situazione epidemiologica continuerà a migliorare, lo stop definitivo a qualsiasi gara se i contagi torneranno ad aumentare (con quest'ultima ipotesi, per fortuna, sempre più lontana). Esclusa, invece, la possibilità che tutti i team torneranno in campo per terminare la regular season. Comunque vada, insomma, la classifica dei tre gironi non verrà modificata con nuove partite. 

Il che significa che, a meno di stravolgimenti dell'ultimo minuto, Monza, Vicenza e Reggina verranno promosse in Serie B (con buona pace di Carpi, Reggiana e Bari) mentre in Serie D finiranno il Gozzano dal Girone A, il Rimini dal Girone B e il trio Rende, Bisceglie e Rieti dal Girone C (niente playout al Sud, insomma). 

La prima partita della "nuova" stagione sarà con grande probabilità la finale di Coppa Italia fra Ternana e Juventus U23, decisiva per completare il quadro dei playoff con l'inserimento di una tra Vibonese (se vinceranno gli umbri) e una tra Como e Pistoiese (se il trofeo sarà dei piemontesi, decisiva la media punti).

In tutto questo resta da capire quanto, esattamente, bisognerà attendere. Il Consiglio Federale è atteso per l'8 giugno ma il ministro dello sport Spadafora ha affermato che dovrebbe svolgersi il 4. In ogni caso, i club di C interessati hanno già iniziato a muoversi, per non farsi trovare impreparati per i playoff e i playout.