Nazionale U20, battuta la Svizzera. Protagonisti i ragazzi della Juve U23

18.11.2019 19:20 di Dario Lo Cascio Twitter:    Vedi letture
Fonte: Figc.it
Manolo Portanova
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Manolo Portanova

E’ festa grande per i duemila spettatori dello stadio ‘Lamarmora-Pozzo’ di Biella: spettacolo, quattro gol azzurri, ma soprattutto la vittoria contro la Svizzera (4-2) che ribadisce il primato in classifica dell’Under 20 nel Torneo 8 Nazioni. Una partita carica di emozioni con l’Italia per due volte in svantaggio, ma bravissima a rimontare e poi a chiudere un incontro che offre spunti interessanti al tecnico Daniele Franceschini. “Sono molto soddisfatto – le parole dell’allenatore a fine gara – di questa squadra, hanno giocato con la giusta mentalità. Non era facile rimanere lucidi dopo essere andati in svantaggio per ben due volte, ma i ragazzi hanno mantenuto la calma e sono stati bravissimi a ribaltare la situazione, tutti dal primo all’ultimo entrato”.

In campo con il 4-4-2, l’Italia schiera Guidotti in porta, in difesa Fiordaliso, Delli Carri, Buongiorno, Frabotta, a centrocampo Portanova, Danzi, Colpani, Vignato, in attacco Olivieri e Anderson. L’inizio è da subito in salita. Dopo un minuto di gioco, infatti, Delli Carri stende Rustemovski in area; l'arbitro portoghese Godinho non ha dubbi e assegna il calcio di rigore. Dal dischetto Marchand con un destro a mezz'altezza ad incrociare mette alle spalle di Guidotti.

Colpita a fredda, l’Under prova a reagire e al 19’ colpisce il palo con Portanova che calcia a rete di prima intenzione. Passano sei minuti e la caparbietà azzurra trova il giusto premio. Sempre Portanova protagonista. Il centrocampista della Juventus, servito sul filo del fuorigioco da Olivieri, prende la mira e, con un tocco di esterno destro, supera Keller con un delizioso lob ad incrociare.

L’Italia c’è, ma c’è anche la Svizzera che al 41’ passa di nuovo in vantaggio: cross di Schüpbach per Haile-Selassie che realizza con destro di controbalzo ad incrociare nell’angolino basso.

Costretti ad inseguire, gli Azzurrini tornano in campo nella ripresa con la voglia di chiudere il conto con gli elvetici e dopo tre minuti ristabiliscono la parità grazie ad un fantastico sinistro del difensore juventino Gianluca Frabotta. Al comando della classifica con dieci punti, dopo le vittorie contro Polonia, Repubblica Ceca e Portogallo, e il punto ottenuto in rimonta contro l’Inghilterra, l’Italia non ha intenzione di mollare la posizione e al 52’ passa in vantaggio. Calcio d’angolo battuto da Colpani per Filippo Delli Carri che di testa supera Keller.

Sicura del fatto suo, la squadra di Franceschini crea e sciupa occasioni, ma al 74’, davanti all’opportunità di chiudere la gara, non si fa pregare: servizio di Raspadori per Borrelli – entrambi subentrati da poco a Olivieri e Anderson - che deve solo spingere in rete una palla facile-facile. Ed è il 4-2 finale.