Top & Flop di Carpi-Novara

13.07.2020 22:41 di Francesco Ragosta   Vedi letture
Buzzegoli, TOP NOVARA
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Buzzegoli, TOP NOVARA

Il Novara è sempre più la sorpresa di questi playoff, la squadra di Banchieri doveva solo vincere per andare avanti e lo fa alla grande espugnando il “Cabassi” battendo 2-1 il Carpi, conquistando così meritatamente un posto in semifinale. Gli Azzurri che avevano chiuso all’ottavo posto nel Girone A fanno fuori la miglior terza dei tre gironi e possono continuare a sognare una clamorosa promozione in Serie B.

Il primo tempo è subito ricco di emozioni con il Carpi che parte meglio, ma il Novara che passa in vantaggio dopo nove minuti. Da una punizione dalla destra di Buzzegoli, Pinzauti trova la deviazione vincente aiutato forse anche da un tocco di Sabotic che beffa Nobile. Un minuto dopo gli Azzurri potrebbero anche raddoppiare con Pinzauti che però di testa tutto solo in area colpisce male e appoggia in pratica la palla al portiere. Il Carpi che protesta per un rigore non concesso per un fallo su Vano sfiora il pareggio con Boccaccini il cui colpo di testa è salvato sulla linea di porta da un grande intervento acrobatico di Bianchi. Al 25’ è Vano, liberato da un errore di Bove, a sprecare una clamorosa occasione calciando addosso a Lanni. Poco prima della mezz’ora è il Novara ad avere una doppia chance per raddoppiare e il protagonista è sempre Pinzauti: ci prova prima di testa su cross di Piscitella con palla che finisce fuori ed è sfortunato qualche minuto dopo quando il palo prima e Nobile dopo respingono la sua conclusione. La partita viene anche sospesa qualche minuto per lo spegnimento di un faro del “Cabassi”, ma quando viene ripresa è il portiere del Carpi a regalare un’altra possibilità al Novara servendo Pinzauti al limite dell’area. Il numero 28 serve Gonzalez che calcia però altissimo. La squadra di Banchieri è molto più sciolta e trova comunque il meritato raddoppio con Sbraga che di testa su calcio d’angolo battuto da Buzzegoli. Nobile un minuto prima dell’intervallo evita il tris degli ospiti salvando su una conclusione di Gonzalez che tocca anche la traversa. Nella ripresa Riolfo prova a scuotere il Carpi inserendo subito Jelenic e Rossoni. Ma il forcing è sterile e non crea grossi pericoli a Lanni fino al 68’ quando una punizione di Jelenic deviata mette Cianci davanti al portiere, ma il tiro contrastato anche da un difensore avversario finisce altissimo. Il gol che riapre la partita arriva troppo tardi per i padroni di casa: al 90’ Vano prende l’ascensore su un cross di Pezzi e mette la palla all’incrocio imparabile per Lanni. I cinque minuti di recupero non bastano per completare una clamorosa rimonta. Finisce così con una grossa delusione per il Carpi che però già contro l’Alessandria aveva fatto vedere di non essere in gran forma. Ora il Novara in semifinale sfiderà sempre in trasferta la Reggiana. In semifinale però in caso di parità al 90’ si va ai supplementari e poi ai rigori. Un piccolo vantaggio per i piemontesi non più obbligati a vincere per andare avanti. Ecco Top e Flop della gara.

TOP

Jelenic (Carpi): il suo ingresso in campo almeno scuote dal torpore i padroni di casa. Ci prova con qualche spunto interessante, un paio di conclusioni dalla distanza e qualche assist per i compagni. I miracoli però non gli riescono. INGRESSO TARDIVO

Pinzauti & Buzzegoli (Novara): sono loro a firmare l’impresa degli Azzurri nel primo tempo. Il numero 28 è praticamente scatenato: oltre al gol di testa aiutato forse anche da una deviazione di un difensore avversario lotta su tutti i palloni non dando mai tregua alla difesa emiliani. Il centrocampista, invece, mette il piede in entrambe le reti e guida la propria squadra da vero leader. IMPRENDIBILI

FLOP

Boccaccini & Biasci (Carpi): tanti gli insufficienti nei biancorossi, il difensore è quello che lascia più a desiderare e anche Riolfo lo toglie dopo soli 45 minuti per provare a dare una svolta ai suoi. Negativa anche la prova del bomber che in una delle partite più importanti della stagione sbaglia praticamente tutto. CONFUSIONARI

Bove (Novara): il più incerto nella difesa azzurra, qualche disattenzione di troppo soprattutto nel primo tempo. Rischia molto su Vano commettendo forse un fallo da rigore e un suo disimpegno errato libera sempre Vano che per sua fortuna sbaglia tutto solo davanti al portiere. Anche nella ripresa qualche appoggio di troppo sbagliato. DISTRATTO