Pro Patria caos, mezza società annuncia le dimissioni

Il direttore sportivo Regalia, scavalcato dal nuovo patron, medita l'addio. Pattoni e Novelli ormai ai ferri corti
01.02.2011 01:25 di Andrea Zalamena  articolo letto 2425 volte
Fonte: Varesenews.it
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com
Pro Patria caos, mezza società annuncia le dimissioni

In casa Pro Patria la decisione sulla cessione del bomber Francesco Ripa, passato ufficialmente alla Nocerina, sta provocando ulteriori sommosse da parte della dirigenza e, in particolare, del direttore sportivo Carlo Regalia, unico vero uomo mercato della Pro Patria: "La modalità con cui è stato ceduto Ripa non è stata concordata con me - ha detto tramite l'addetto stampa Sessa - per questo motivo sto meditando le mie dimissioni ed entro 24-48 ore ufficializzerò la mia decisione". L'ambiente è scosso e sul piede di partenza sono anche Pino Iodice, segretario generale, e il mister Raffaele Novelli, reduce da un malessere che lo ha costretto ad andare in ospedale nella notte di sabato e oggi introvabile al telefono. "accia quello che vuole - risponde Pattoni - sarebbe un grande dispiacere ma noi ci siamo posti l'obiettivo di risanare questa società e chi non vuole allinearsi a questa decisione è libero di andare via".

Lo stesso mister Novelli è sempre più in rotta di collisione con il nuovo amministratore della società Pattoni. Proprio quest'ultimo infatti accusa l'allenatore di non voler riconoscere la nuova proprietà e di aver esercitato indebite pressioni contro la cessione di Ripa: "Stavamo già chiudendo con il Benevento la cessione dell'attaccante a 150 mila euro - conferma - ma una serie di pressioni anche poco piacevoli mi hanno convinto ad essere più prudente. Sfumata l'occasione col Benevento siamo arrivati a questa decisione".