Top & Flop di Triestina-Virtus Verona

13.11.2019 19:10 di Ferdinando Armenante   Vedi letture
Top & Flop di Triestina-Virtus Verona

La Triestina passa il turno di Coppa Italia e si conquista il Vicenza agli ottavi di finale. Questo il verdetto del match odierno al "Nereo Rocco" di Trieste e che ha visto di fronte la squadra di Gautieri contro la Virtus Verona. A decidere il match, è un calcio di rigore di Rocco Costantino al minuto 81 per l'1-0 finale. 

Match non molto emozionante nel pomeriggio giuliano con poco pubblico presente sugli spalti, a causa dell'orario 'lavorativo' ed il giorno infrasettimanale. La squadra di Gigi Fresco parte bene, creando qualche apprensione alla difesa alabardata ma Matosevic non corre grossi rischi. Dall'altra parte, il "Diablo" Granoche ci prova per ben 4 volte di testa nel corso del primo tempo ma senza successo ed è lui l'uomo più pericoloso dei suoi. Nell'intervallo, Gautieri viene espulso da De Tommaso per proteste. Nella ripresa, entra Gatto ed i padroni di casa costruiscono tre palle gol ma un miracolo di Chiesa ed il muro eretto dalla difesa non permette di sbloccare il match. A 10' dal termine la svolta decisiva. Pinton trattiene in area Gatto: rigore e Costantino non sbaglia dagli undici metri, regalando il gol qualificazione ai suoi. Nel finale, la Triestina resta anche in 10 per l'espulsione di Scrugli ma non basta alla Virtus per recuperare il match. Finisce 1-0.

Come di consueto, ecco i Top & Flop del match: 

TOP 

Gatto (Triestina): Il suo ingresso in campo sveglia la sua squadra ed i suoi compagni iniziano a creare diverse palle gol, andando vicinissimi al vantaggio. Si muove molto per cercare di creare pericoli con le sue giocate. Con esperienza e furbizia si conquista il calcio di rigore che decide la partita per i suoi, realizzato da Costantino. ASTUTO

Chiesa (Virtus Verona): Il giovane portiere dei veneti si dimostra affidabile e decisivo con le sue parate. Tiene bene contro i colpi di testa di Granoche, ma è decisivo su quello da pochi passi di Gomez ad inizio ripresa. Sfortunato quando intuisce ma non riesce a parare il rigore che vale l'eliminazione ai suoi. Nonostante tutto, è il migliore in assoluto. MIRACOLOSO

FLOP 

Scrugli (Triestina): Ingenuità colossale al minuto 83, quando entra in netto ritardo a centrocampo su Casarotto, prendendosi un sacrosanto cartellino rosso. Complica i minuti finali dei suoi compagni di squadra, ma buon per lui che la Triestina è riuscita a passare il turno. INGENUO

L'attacco (Virtus Verona): Fresco punta su Lupoli e Manarin ma i due non creano mai veri e propri pericoli alla porta di Matosevic. Poi il tecnico decide di toglierli entrambi per far spazio alla coppia gol Odogwu e Magrassi ma alla fine sono zero i tiri in porta dei rifinitori della Virtus Verona al termine della partita. INSUFFICIENTI