Pontedera-AlbinoLeffe, dove eravamo rimasti? Le probabili formazioni

10.01.2021 12:10 di Francesco Moscatelli   Vedi letture
Penultima di andata
TMW/TuttoC.com
Penultima di andata
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com

Nella teoria: penultima di andata. Nella pratica: è giro di boa! Anno nuovo e ci si immette in un lunghissimo rettilineo finale. Tra mille difficoltà, cento rinvii (anche oggi due oboli da versare nella cassetta "Covid", nello specifico Alessandria-Como e Padova-Carpi) e punti di domanda lasciati in sospeso, tutto sommato è una Serie C che ha trovato pure nell'emergenza un proprio equilibrio. Quanto questo sia economicamente sostenibile lo si vedrà probabilmente più avanti, nella seconda parte di un 2021 che invoca nuovi impulsi. Intanto si sopravvive, e questo, nell'ambito di una pandemia storica, non è scontato. Non è scontato parlare del più e del meno che tanto ci appassionano: una classifica ancora corta che abbraccia zona playoff e zona "rossa", un mercato povero di soldi ma generoso probabilmente di scambi e di creatività, squadre che devono consolidare un percorso di crescita o dare una sterzata dopo qualche intoppo qua e là. La prima dopo la pausa di fine anno è sempre una partita a sè e pronosticare un risultato più plausibile di altri è esercizio che ha fondamenti scientifici tanto quanto l'oroscopo. Pontedera-AlbinoLeffe (Stadio "Mannucci", fischio d'inizio ore 15), può disegnare qualsiasi tabellino. In fondo è già tempo di (primi) bilanci e, quando una riga è pronta per essere tirata, si è pronti (o forse costretti?) a dare il proprio meglio. Il già apprezzato e l'ancora inespresso.

QUI PONTEDERA - Ma era proprio il caso di fermarsi? Due vittorie e tre pareggi nelle ultime cinque uscite: una classifica tranquilla e la certezza di avere un gruppo che sa sempre lottare, a giudicare dall'ultima foto disponibile che, sul retro, annota "Silvio Piola, Pro Vercelli-Pontedera 2-2". Un mancino di Faella che ha permesso ai ragazzi di Maraia di trascorrere delle festività serene, magari guardando una classifica che indica ai toscani l'ultima carrozza del treno che porta ai playoff. 25 punti, dunque ancora 15 da conquistare per l'ormai celebre (per chi respira l'aria di provincia) "primo obiettivo" e poi chissà. E' una graduatoria molto corta dal quarto posto a scendere, sognare non è vietato, soprattutto se si considera la vittoria contro la Juventus U23 che ha preceduto proprio la prova di carattere con le Bianche Casacche. E probabilmente è anche in virtù di questo trend positivo che la compagine granata è stata una delle prime a muoversi all'apertura delle contrattazioni di mercato: 3 gennaio e subito un arrivo, con l'ala ormai ex-Foggia Gianmarco Regoli [LEGGI QUI] pronto a apportare un contributo di maggiore varietà nelle scelte offensive di Maraia. Da qui il classico dilemma vigiliare tipico per ogni nuovo arrivato: lo metto in panchina o lo butto subito in acqua e vediamo se nuota?

QUI ALBINOLEFFE - Non è più dicembre: e questa è già una buona notizia. Non solo per voltare pagina dopo un annus horribilis a livello ambientale ma anche, molto più prosaicamente in casa seriana, per lasciarsi alle spalle un mese che, di fatto, ha rimesso tutto in discussione in tema di classifica. Tre pareggi e una sconfitta che hanno raccontato una squadra sempre molto arcigna come da tradizione ma che ha perso alcune certezze dopo un bimestre autunnale davvero di buon livello. Dicembre ha visto la compresenza di due gruppi di giocatori: un primo -molto nutrito- formato da convalescenti di vario tipo che, pian piano, si sono reinseriti quantomeno nelle distinte e in alcuni spezzoni di partita; un secondo gruppo -che potremmo chiamare "sempre quelli" che ha tirato il carro per gran parte del girone di andata attendendo, con grande bramosia, una sosta natalizia ristoratrice. E' dunque dalla Toscana che riparte davvero un nuovo conteggio per chi ha il bluceleste nel cuore, un banco di prova che sarà significativo anche in tema di mercato. Come accade spesso dalle parti di Zanica il mercato invernale si delinea soprattutto come un mercato "di attesa": se l'obiettivo è la salvezza (traguardo oggettivamente alla portata per la rosa attuale, a patto che questa abbia tutti i petali al loro posto) allora gli eventuali acquisti saranno centellinati e solo dove servono, visto che gli sforzi devono convergere anche altrove (stadio). Contro il Pontedera sarà interessante, in tal senso, vedere la probabile restaurazione della coppia d'attacco sulla carta titolare e anche stabilire quanta acqua possano effettivamente portare al mulino di mastro Zaffaroni quei giocatori non sempre disponibili nelle conte della vigilia, Tomaselli e Gabbianelli in primis. Assenti probabili Trovato e Ravasio, nomi generalmente proposti a partita in corso. Tutto qui, niente trucchi e niente inganni. E fa uno strano effetto leggere un elenco così succinto.

Ecco le probabili formazioni che si affronteranno nel match che TuttoC.com seguirà LIVE a partire dalle ore 14.40:

Pontedera (3-5-1-1): Sarri; Benassai, Piana, Matteucci; Perretta, Catanese, Caponi, Barba, Milani; Stanzani; Magrassi. A disp.: Angeletti, Bardini, Risaliti, Tommasini, Faella, Bisconti, Pretato, Benedetti, Vaccaro, Tersigni, Regoli. All.: Maraia.

AlbinoLeffe (3-5-2): Savini; Canestrelli, Mondonico, Riva; Gușu, Galeandro (Gelli), Genevier, Giorgione, Petrungaro; Cori, Manconi. A disp.: Caruso, Cerini, Berbenni, Nichetti, Tomaselli, Gabbianelli, Maffi, Piccoli, Gelli (Galeandro), Miculi, Ghezzi. All.: Zaffaroni.

Arbitro: Sig. Giorgio Vergaro di Bari (assistenti: Paggiola-De Nardi); IV Ufficiale: Fantozzi.