Top & Flop di Padova-Juventus Under 23

21.05.2022 23:05 di Stefano Scarpetti   vedi letture
Germano Top Padova
TMW/TuttoC.com
Germano Top Padova
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Si è chiusa la gara giocata allo stadio "Euganeo" tra Padova e Juventus Under 23, valida per il ritorno dei quarti di finale dei playoff di serie C: 0-1 il punteggio finale a favore degli ospiti. Un successo utile solo per le statistiche per i giovani bianconeri capaci di vincere tre partite in trasferta in altrettante partite, dopo quelle contro Pro Vercelli e Renate, ma non basta per continuare il cammino. Approda alle semifinali non senza soffrire la formazione veneta, che riesce a capitalizzare la vittoria maturata nella gara di andata ad Alessandria con lo stesso punteggio, beneficiando del regolamento che premia a parità di punteggio nel doppio confronto la squadra classificatasi meglio al termine della stagione regolare. I veneti hanno avuto la forza di saper soffrire nei momenti delicati della sfida mantenendo compattezza e nervi saldi, nel prossimo turno se la vedranno con il Catanzaro in quello che si annuncia un vero e proprio scontro tra "Titani". Solo applausi merita la formazione di Lamberto Zauli, cresciuta tantissima nell'ultima parte della stagione, disputando un grande playoff. La squadra è piaciuta non soltanto come ha approcciato alla gara, ma nella gestione delle energie e l'appicazione tattica mettendo in mostra solidità difensiva, non riuscendo però a trovare il secondo acuto che avrebbe significato ottenere una clamorosa qualificazione in semifinale. In cornaca Il tecnico Massimo Oddo deve fare a meno degli infortunati Jelenic, Bifulco, Cissè e Busellato. Rispetto al 4-3-3 della gara di andata. In difesa Pelagatti preferito a Valentini mentre sulla corsia sinistra spazio a Germano che ha vinto il ballottaggio con Gasbarro. In mezzo al campo Della Latta, Dezi e Settembrini con Saber in panchina. Il tridente è composto da Chiricò, Ceravolo e Terrani. Sull'altra sponda Non c'è la fa Riccio, Lamberto Zauli schiera nel 4-3-2-1 di partenza Sersanti al fianco di Barrenechea mentre Compagnon vince il ballottaggio con Iocolano. Le due squadre approcciano bene alla gara, gli ospiti mettono aggressivi e ritmo in avvio e trovano il vantaggio  al 12', sugli sviluppi di un corner grande giocata di Soule sulla linea di fondo, il servizio al centro per Barrenechea, la sua conclusione sotto misura non ha lasciato scampo a Donnarumma. La reazione del Padova si concretizza al 25' con una conclusione di Germano respinta dalla traversa, poco dopo Terrani cambia gioco per Chiericò, il suo piatto destro si perde a lato. Poco dopo Terrani si mette in proprio ma il destro dal limite si perde alto sopra la traversa. La ripresa ha visto le due squadre accusare fatica e stanchezza, il Padova a sprazzi si è portato in avanti sfruttando gli strappi di Chiricò e le giocate di Terrani, dall'altra parte i bianconeri hanno trovato nella retroguardia biancoscudata un muro invalicabile. Ecco i migliori e i peggiori del match:

TOP

Umberto Germano (Padova): vince il ballottaggio con Gasbarro, se la deve vedere con un cliente molto difficile come Soule ma non si perde d'animo. Contribuisce alla manovra offensiva, sua l'occasione più pericolosa dei biancoscudati, violento destro respinto dalal traversa mentre nella ripresa un suo cross viene respinto da Israel. Fondamentali due chiusure su Da Graca, da applausi la seconda. FONDAMENTALE

Matias Soulè (Juventus Under 23): non mancano i giocatori della Juventus Under 23 da seguire con interesse, il nome dell'argentino non è sicuramente nuovo nell'ambiente torinese, calciatore in grado di dare del tu al pallone. Lo dimostra in occasione del gol firmato da Barrenechea con una giocata di alta scuola. Certo deve crescere ma i numeri ci sono. DA SEGUIRE CON ATTENZIONE

FLOP

Jacopo Dezi (Padova): fatica tantissimo ad entrare in partita e ne rimane ai margini per larghi tratti della stessa, è vero che il gioco passa prevalentemente dalle mezzali e dagli esterni ma lui non fa niente per cambiare questo stato di cose. Si fa notare per un cartellino giallo nel primo tempo e un tiro a lato ad inizio ripresa. NON PERVENUTO

Marco Da Graca (Juventus Under 23): i difensori centrali avversari gli concedono le briciole, tuttavia cerca comunque di trovare spazio allargandosi e dialogando con i compagni. Si fa anticipare nettamente in due occasioni da Germano, soprattutto nella seconda si muove con troppa lentezza non concretizzando una occasione invitante. NON GRAFFIA