Top & Flop di Robur Siena-Carrarese

18.04.2019 21:35 di Giacomo Principato   Vedi letture
Mattia Aramu, TOP
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Mattia Aramu, TOP

La Robur Siena vince e convince nel derby contro la Carrarese mettendo sotto per 3-0 la formazione apuana nel derby toscano valido per la 36^ giornata del campionato di Serie C – Girone A. Nella prima frazione di gioco basta una rete di Mattia Aramu per sbloccare il punteggio. Il numero 10 di casa bianconera conclude all'altezza dei venti metri in tutta libertà e non lascia scampo a Borra. La Carrarese risponde, dando così seguito a quanto visto nelle prime battute, con una grossa occasione capitata sul sinistro di Biasci. Il numero 11 dei marmiferi è l'uomo più ispirato dei suoi e dopo un bel controllo colpisce la base del palo con un tiro a giro. Il vantaggio dà però maggior vigore ai senesi, i quali prendono coraggio e controllano con più attenzione i tentativi degli ospiti. Nella seconda parte di gara il copione cambia negli interpreti con Silvio Baldini che muta totalmente il volto dei suoi effettuando ben quattro sostituzioni in un blocco solo. Le nuove leve danno la carica ai marmiferi che al 51' ottengono un rigore con Caccavallo. Dal dischetto si presenta lo stesso classe '87 che viene ipnotizzato da Contini che battezza l'angolo e stoppa tutto. La strada per i marmiferi si mette ulteriormente in salita al 55' quando Arrigoni raccoglie un pallone al limite e lo trasforma nel raddoppio dei suoi, il quale diventa tris dopo dieci minuti esatti. Ancora un tiro dagli undici metri, stavolta per la Robur Siena e per Gliozzi che trova l'angolo giusto e condanna definitivamente gli apuani. Gli ospiti, in virtù anche del tanto tempo a propria disposizione, non si perdono d'animo e provano a correggere il punteggio, senza però trovare la zampata giusta. Dopo quattro minuti di recupero l'arbitro sancisce la fine: il derby toscano va ai bianconeri di Michele Mignani che bissano il successo dell'andata, nulla da fare per la Carrarese che esce a mani vuote dallo stadio 'Artemio Franchi' e perde terreno in chiave playoff.

TOP

Mattia Aramu (Robur Siena): dopo una serie di prestazioni non da lui, ecco un pomeriggio da protagonista. Una rete segnata e una propiziata con il passaggio illuminante che ha portato al rigore, poi segnato, da Gliozzi. Ha il merito di sbloccare il punteggio, oltre che di far partire col piede giusto la partita dei suoi. Sempre più fondamentale nello scacchiere di Michele Mignani. ESSENZIALE

Biasci (Carrarese): nel primo tempo si dimostra più che una semplice spina nel fianco per i bianconeri, specie per Imperiale, che non riescono a trattenerlo. Da lui nascono tutte le azioni pericolose dei suoi, inclusa quella che spreca in malo modo. Si rifà dell'errore colpendo un palo con un sinistro a girare che avrebbe meritato maggior fortuna. Viene sostituito in apertura di ripresa da Silvio Baldini che forse avrebbe potuto e dovuto tenerlo dentro ancora un po'. MEZZO SERVIZIO

FLOP

Dario D'Ambrosio (Robur Siena): è vero, Caccavallo lo mette alle strette, ma concedere quel rigore non è da lui. Il capitano dei senesi commette un'ingenuità atterrando in area il classe '87 sul parziale di 1-0, per fortuna dei suoi ci pensa Contini – ancora una prestazione sopra la media da parte del portiere – a salvare il risultato proprio sull'avanti marmifero. INGENUO

Le tre reti concesse dalla Carrarese: due reti concesse per la troppa libertà lasciata al momento del tiro e una terza dovuta a un'uscita troppo avventata. Tre situazioni che andrebbero riviste per gli apuani che commettono degli sbagli imperdonabili. Sconfitta meritata per i gialloblu, i quali dovranno recitare un mea culpa per quanto vistosi in campo. DISTRATTI