Pontedera, Caponi: "Mal di trasferta? Capire il motivo non è semplice"

13.10.2021 22:45 di Valeria Debbia Twitter:    vedi letture
Andrea Caponi
TMW/TuttoC.com
Andrea Caponi
© foto di Gianni Mattonai

Andrea Caponi, capitano del Pontedera, ha analizzato dalle colonne de La Nazione il mal di trasferta che sembra affliggere la squadra granata: "Francamente non ho una spiegazione. E’ evidente che in questo momento ci manca qualcosa, ma individuare il motivo non è semplice. Soprattutto quando arrivi da una vittoria che ti ha dato entusiasmo com’era stata quella con l’Entella e invece di avere più convinzione la perdi, come ci è accaduto a Gubbio. Problema più psicologico o di prestazione? Non saprei. Quando perdi 3-0 c’è poco da dire, significa che qualcosa a livello generale non è andato come doveva. Di sicuro l’espulsione di Matteucci, che è stata un clamoroso errore dell’arbitro, ci ha penalizzato, ma non mi voglio creare alibi con questo episodio. Diciamo che in trasferta non siamo ancora in grado di salire quel gradino che serve, soprattutto in gare come quella di sabato".

Inevitabile chiedere come si esce da questa situazione: "Solo con il lavoro e l’aumento delle proprie consapevolezze. Io sono al Pontedera da dieci anni e negli ultimi campionati la squadra era riuscita a raggiungere un buon rendimento esterno. Resto comunque fiducioso in un miglioramento, perché i valori del gruppo ci sono e perché non si può sempre perdere. Siccome è anche vero che in casa non si potrà vincerle tutte, dobbiamo crescere in trasferta continuando però a mantenere le certezze che abbiamo al Mannucci. Dove, e qui non vorrei che venisse commesso un errore di superficialità, è bene capire che niente è scontato solo perché giochi in casa: vinci soltanto se fai la prestazione".