Top & Flop di Carpi-Rimini

21.09.2019 19:35 di Francesco Ragosta   Vedi letture
Tifosi Carpi
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Tifosi Carpi

Allo Stadio "Sandro Cabassi", il Carpi si prende la vetta momentanea del Girone B battendo meritatamente 2-1 il Rimini portandosi a quota 11 in classifica scavalcando Reggiana e Padova impegnate domani. Soprattutto la squadra di Riolfo resta imbattuta in stagione e conferma di poter avere ambizioni molto importanti in questo campionato.

La partita si gioca su ritmi alti e combattuti fin dai primi minuti, gli ospiti trovano il vantaggio con Silvestro imbeccato da Van Ransbeeck e molto bravo a superare Nobile con un bel tocco sotto. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere e al 17’ Vano firma il suo quinto gol in cinque partite ribattendo in rete una respinta di Scotti che aveva negato il gol a Sabotic. Al 25’ la rimonta è completata con Maurizi che questa volta è il più lesto di tutti ad avventarsi sulla respinta con i piedi di Scotti che era stato praticamente spiazzato da una deviazione di un suo difensore su tiro di Carta dal limite dell’area . Prima dell’intervallo sempre Vano va vicino al tris, negato solo da un grande riflesso di Scotti. Il secondo tempo inizia subito con un inedito triplo cambio con Cioffi che inserisce in avanti Zamparo oltre a Oliana e Lionetti . Ma la ripresa è giocata a ritmi molto più bassi con il Rimini che non riesce mai a creare pericoli dalle parti di Nobile e il Carpi che si limita a controllare senza grossi affanni il prezioso successo sfiorando il terzo gol con il sempre pericoloso Vano che vede negarsi la doppietta da una parata di Scotti che devia il suo colpo di testa sul palo e con Biasci che nel recupero devia il tiro-cross di Fofana colpendo un altro legno. Da segnalare anche l’espulsione al 90’ di Bellante per un brutto fallo su Sabotic. Per il Rimini è la seconda sconfitta consecutiva, due soli punti nelle ultime quattro partite. La squadra di Cioffi prova sembra a proporre il suo gioco offensivo, ma oggi ha fatto davvero male nella ripresa e dopo la vittoria all’esordio i risultati ora stanno mancando e serve invertire la rotta. Ecco Top e Flop della gara.


TOP

Vano (Carpi): cinque gol in cinque partite, è velocissimo a coordinarsi e ribattere in rete la respinta di Scotti riportando il match in parità Un gol fondamentale, ne sfiora altri due con Scotti e il palo che gli negano la doppietta. In avanti tiene sempre in costante apprensione la difesa avversaria con le sue sponde, il suo gioco aereo e il suo non mollare neanche un pallone. IMPLACABILE

Scotti (Rimini): i due gol arrivano da sue due respinte, ma non ha assolutamente colpe perché entrambi sono grandi parate su Lomolino prima e su Carta dopo il cui tiro era stato deviato da un difensore. Con altri due grandi interventi su Vano (uno con l’aiuto del palo) permette ai suoi di restare in partita fino alla fine e non ha certo responsabilità se i compagni in avanti costruiscono poco o nulla. MIRACOLI SPRECATI

FLOP

Nessuno nel Carpi: la reazione allo svantaggio è da squadra con grande mentalità. Non concede più agli avversari, nessuna distrazione in difesa e pieno controllo della partita con un grane centrocampo e un attacco trascinato da Vano. Avrebbe meritato di mettere prima al sicuro il risultato. CONCENTRATI E PERFETTI

Arlotti/Gerardi/Candido (Rimini): tantissimi i giocatori insufficienti nei romagnoli. Arlotti che era al rientro è uno dei più in difficoltà nel primo tempo: soffre le avanzate di Lomolino, spesso è costretto a rincorrerlo e in avanti non si fa vedere quasi mai. La punta numero 20 è generosa, ma è praticamente nulla la sua partita come quella di Candido che a centrocampo scompare quasi subito senza riuscire mai a mettere in mostra le sue qualità. DISORIENTATI