Top & Flop di Fano-Perugia

24.01.2021 17:25 di Gianmarco Minossi   Vedi letture
Elia, top Perugia
TMW/TuttoC.com
Elia, top Perugia
© foto di Giuseppe Scialla

La marcia del Perugia verso la vetta della classifica si interrompe dopo tre vittorie consecutive nella piovosa Fano, in un terreno di gioco reso ai limiti della praticabilità per la pioggia caduta in città. Il primo tempo vive solo di ruvidi contrasti e qualche sporadica conclusione dalla distanza; inoperosi i due portieri, mai impensieriti da alcun tiro, mentre Caserta è costretto a bruciarsi due cambi nel giro di pochi minuti, inserendo Favalli e Vano al posto degli infortunati Crialese e Minesso. In compenso la retroguardia dei padroni di casa si comporta molto bene, arginando sul nascere ogni azione offensiva degli ospiti.

Al rientro in campo Destro propone Cargnelutti al posto di Monti, ma la prima occasione ce l'ha il Perugia, con Murano che raccoglie un cross dalla sinistra mandando fuori un colpo di testa. La risposta del Fano è affidata a due conclusioni dalla distanza di Ferrara e Barbuti, che non trovano felice esito. La grande chance si registra dopo un'ora esatta di gioco, quando Murano impegna Viscovo con un pregevole colpo di testa; lo stesso attaccante è costretto poco dopo dopo ad uscire per infortunio, lasciando spazio a Bianchimano. Dieci minuti dopo i granata sprecano la loro prima grande chance della partita, con Ferrara che, dopo aver rubato palla a Fulignati in pressing, si gira spedendo incredibilmente fuori a porta sguarnita. Nel finale Viscovo si supera ancora con un grande intervento sul colpo di testa a botta sicra di Vano, mentre il Fano spreca nell'ultima azione disponibile il contropiede del possibile vantaggio. Finisce con un pareggio molto incoraggiante per la squadra di Destro in ottica salvezza, contro un Perugia che si lecca le ferite per gli infortuni subiti rimanendo comunque nella ristretta cerchia delle prime della classe.

Come di consueto, ecco i top & flop del match.

TOP

La difesa del Fano: la retroguardia granata prende le misure all'attacco del Perugia dall'inizio del match, leggendo ogni fraseggio e stroncando sul nascere ogni tentativo di azione pericolosa degli umbri. A ciò vanno aggiunti anche due prodigiosi interventi di Viscovo, che ha negato il gol prima a Murano e poi a Vano. Una prestazione incoraggiante in vista dei prossimi match che verranno inevitabilmente spesi ad inseguire il traguardo della salvezza. INSUPERABILI

Salvatore Elia (Perugia): conferma anche oggi il suo stato di grazia, proponendosi costantemente in avanti e cercando spesso il fondo. Peccato per lui che i suoi cross non vengano sfruttati a dovere dai compagni, ma su quella fascia l'ex Juve Stabia si è confermato per l'ennesima volta una garanzia per Caserta. SPEEDY

FLOP

Nessuno del Fano: partita di sacrificio quella dei ragazzi di Destro, che concedono pochi spazi ad una delle candidate alla vittoria finale, sapendo anche soffrire quando necessario. Peccato per i granata che Ferrara sbaglia a porta vuota dopo l'errore di Fulignati, sprecando anche nel finale il contropiede del possibile vantaggio: errori che comunque non inficiano su una prestazione molto più che dignitosa. SEMI-PERFETTI 

L'attacco del Perugia: lasciando perdere la sfortuna, oggi accanitasi sugli umbri visti gli infortuni occorsi a Bianchimano, Murano e Crialese, l'attacco dei biancorossi non incide come dovrebbe. Tolte le due parate di Viscovo su Murano e Vano, il reparto avanzato di Caserta non produce alcuna occasione degna di nota. STATICO

RIVIVI QUI IL LIVE MATCH!