Paganese, Erra: "Sconfitta immeritata, gli infortuni ci penalizzano"

17.11.2019 21:00 di Oreste Tretola   Vedi letture
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Paganese, Erra: "Sconfitta immeritata, gli infortuni ci penalizzano"

Alessandro Erra in sala stampa ha commentato la sconfitta odierna della sua Paganese contro il Bari: “Era una partita da 0-0. Ci abbiamo messo furore e qualità, li abbiamo messi in difficoltà. Loro sono forti e hanno diverse soluzioni. C’è amarezza, non avremmo meritato di perdere. Diop ha un problema muscolare che si porta dietro da tempo, sembrava si fosse ripreso, ma evidentemente non era così. Guadagni al suo posto ha fatto bene. Certo senza esperienza e qualità diventa difficile soprattutto con squadre come il Bari. La squadra comunque ha dato tutto. Non credo ci siano problemi di preparazione e gli infortuni non sono dovuti ai campi dove ci alleniamo e giochiamo. Molti problemi vengono da cose precedenti e se li portano dietro. Ci vuole una gestione particolare. I ragazzi sono consapevoli di quello che fanno, sono delusi per i risultati negativi ma è normale, hanno però un atteggiamento positivo nelle difficoltà. Dovremo sudare e sappiamo che stiamo facendo un campionato oltre le nostre possibilità. I competitor sono più forti, è diverso dagli anni scorsi. Il Bari ha avuto un palleggio pulito, senza impensierirci però, li abbiamo fatti correre poco nel primo tempo. E’ stato diverso nel secondo. Quando siamo stati al completo abbiamo messo in difficoltà tutti, è un dato oggettivo. Oggi avevamo problemi ma siamo stati nella partita. Per il campionato che dobbiamo fare la rosa c’è, poi gli infortuni ovviamente ci penalizzano. Per quello successo a Rieti, mi auguro che non si falsi di nuovo il campionato. E’ una vergogna, basta questo. Per chi fa bene calcio è poco serio. Il Bari è una corazzata che dimostra la sua forza anche in una partita non brillante. Anche con non tutto il potenziale espresso c’è il singolo che inventa la giocata. Sull’episodio del gol avevo in campo già cinque difensori, mettere il sesto era troppo e non potevo lasciare Scarpa solo avanti. Loro hanno avuto più possesso, ma non ci hanno messo chissà quanto in difficoltà. La prossima sarà uno scontro diretto delicato, servirà l’atteggiamento delle ultime due uscite. Contro il Bisceglie sarà battaglia”.