Turris, Menichini: "Dobbiamo arrivare a 40 punti e chissà se basteranno"

12.02.2024 13:45 di Valeria Debbia Twitter:    vedi letture
Leonardo Menichini
TMW/TuttoC.com
Leonardo Menichini

Al terzo tentativo Leonardo Menichini ottiene la prima vittoria della sua gestione sulla panchina della Turris nel pesantissimo scontro diretto col Foggia: "Abbiamo fatto una buona partita nonostante il momento difficile che stiamo passando. Abbiamo cercato di giocar palla e fatto un buon possesso quando abbiamo potuto. In certe situazioni abbiamo abbassato anche i ritmi per tenere palla e cercare sempre la profondità. Dire che la vittoria è meritata, abbiamo rischiato -credo- pochissimo, forse un colpo di testa che ha sfiorato il palo. Abbiamo, però, avuto qualche ripartenza che dovevamo gestire meglio e magari chiudere la partita con qualche gol in più. Sembrano partite facili, ma se riescono ad accorciare negli ultimi minuti, sapete come funziona. Invece, i ragazzi sono stati concentrati e questo mi ha fatto enormemente piacere".

"Dobbiamo essere sereni: una rondine non fa primavera. Dobbiamo essere molto riflessivi e umili, dato che tra tre giorni c’è uno scontro diretto fondamentale, dobbiamo dare continuità alle prestazioni e ai risultati. Sono contento dei nuovi arrivati, l'ho detto e ho ringraziato la società nella persona del presidente Colantuono e del direttore Primicile. Dobbiamo arrivare a 40 punti e chissà se basteranno. Bisogna avere pazienza e stare sul pezzo concentrati. Ogni gara è facile dopo che l'hai vinta. Serve la grinta di Samuel Pugliese? I nomi li fate voi. Io preferisco elogiare tutto il gruppo sia i titolari sia i subentrati sia chi non è entrato e ha incitato i compagni: questo è essere squadra. Per raggiungere l’obiettivo non ci vogliono chiacchiere, ma ci vogliono le prestazioni. Bisogna ragionare col noi e non con l'io, servono umiltà e sacrificio”.