Il fatto della settimana - Teramo e Campobasso bocciate anche dal Consiglio di Stato. La Serie C riparte con 60 squadre

28.08.2022 00:00 di Marco Pieracci Twitter:    vedi letture
Il fatto della settimana - Teramo e Campobasso bocciate anche dal Consiglio di Stato. La Serie C riparte con 60 squadre
TMW/TuttoC.com
© foto di www.imagephotoagency.it

C'era grande attesa per la sentenza del Consiglio di Stato sui ricorsi presentati da Campobasso e Teramo, ma alla fine la montagna ha partorito il topolino: confermate le esclusioni dal prossimo campionato di Serie C con parecchie obiezioni sollevabili sul modus operandi dell'organo di giustizia amministrativa. Difficile trovare un senso logico al rinvio di una decisione, rimasta nei fatti inalterata, che ha portato a una paralisi di tre settimane e allo slittamento di una settimana del calcio d'inizio in terza serie con un evidente danno d'immagine per la categoria. Benvenuti in Italia, dove si è maestri nel rendere complicate le cose, persino le più semplici. Per le due escluse, oltre al danno la beffa, visto che adesso rischia di essere in salita il cammino per essere reintegrate in sovrannumero alla D mentre Fermana e Torres possono finalmente tirare fuori lo spumante a lungo conservato in frigorifero per brindare al ripescaggio tra i professionisti. Considerando che di tempo ne è stato già perso fin troppo per colpe altrui la Lega Pro si è messa subito in moto definendo, a poche ore di distanza dalla decisione del tribunale, il calendario della nuova stagione. L'algoritmo del computer si è divertito a piazzare già in avvio alcuni big match per iniziare con il botto un torneo che si preannuncia intenso (cinque turni infrasettimanali previsti, la prima sosta a Natale) e soprattutto appassionante: basta dare uno sguardo alla prima giornata del girone A con Pordenone-Triestina in agenda per capire perchè.