KAKA', GILARDINO, MONTOLIVO, PALETTA E ORA PALOSCHI. E' IL NUOVO MONZA O IL VECCHIO MILAN? PARADOSSO RIETI: GLI SVINCOLI NECESSARI PER SALVARE IL CLUB

19.11.2019 00:00 di Sebastian Donzella Twitter:    Vedi letture
KAKA', GILARDINO, MONTOLIVO, PALETTA E ORA PALOSCHI. E' IL NUOVO MONZA O IL VECCHIO MILAN? PARADOSSO RIETI: GLI SVINCOLI NECESSARI PER SALVARE IL CLUB

Kakà, Gilardino, Montolivo, Paletta e, adesso, Paloschi. Il Monza continua a guardare il passato del Milan. Dopo aver cercato (tra contatti veri e rumors presunti) palloni d'oro, campioni del mondo, d'Europa e d'Italia vari, tutti accomunati dalle tinte rossonere, Adriano Galliani è riuscito a convincere un ex diavolo, Gabriel Paletta, a vestire la maglia biancorossa. Ma potrebbe non essere l'ultimo, visto che il nuovo nome accostato ai brianzoli è quello di Alberto Paloschi. Uno che, col Milan, trovò la rete 18 secondi dopo l'esordio in Serie A. Uno che, dopo aver ottenuto salvezze su salvezze con le maglie di Chievo e SPAL, sta trovando meno spazio del previsto con gli estensi. E così, dopo il passaggio da Ferrara a Bari di Antenucci, potrebbe esserci un altro addio spallino con destinazione Serie C. Non sarà Kakà, che preferì non lasciare il Brasile nonostante le richieste del suo ex dirigente. E magari nemmeno Gilardino, che alla fine il Monza l'ha incontrato, ma da mister e da avversario. Ma resta sicuramente super-lusso per la categoria, con il club biancorosso che sta già pensando a costruire la squadra per la prossima stagione, ovviamente in Serie B a meno di incredibili catastrofi.

Scendiamo geograficamente e anche in classifica, passando al Rieti. Che, incredibilmente, potrebbe salvare la stagione grazie al rientro di patron Curci. A salvare la società, oltre al vecchio presidente, saranno anche gli svincoli. Perché una squadra che ha problemi economici non può permettersi così tanti over in rosa, a prescindere dal peso dei loro stipendi. Giocare con i giovani per ottenere i contributi della Lega Pro e alleggerire il monte ingaggi sarà la strategia che il vecchio-nuovo patron proverà a perseguire. Da capire, però, quanto sarà disposto a investire in un club che ha cercato di vendere più volte, riuscendoci anche in due occasioni seppur per brevi periodi.